L’Università riparte con Zara

Lecce. Con il 70% dei voti, Vincenzo Zara, ordinario di Biochimica, è il nuovo rettore dell’Ateneo salentino

LECCE – Ha sei danni davanti, durante i quali imprimere un cambio di rotta all’Università del Salento, che regge da ieri. Vincenzo Zara, 54 anni, ordinario di Biochimica, è il nuovo rettore dell’Ateneo salentino. Il prorettore con delega alla didattica ha conquistato, alla seconda chiamata alle urne, 506 consensi, il 70% del totale; il suo concorrente, il prof Michele Carducci si è fermato a 198 voti. Su una vittoria così schiacciante ha pesato anche il passo indietro compiuto da Giovanni Laudizi, il terzo candidato alla carica, che ha chiaramente indicato ai propri elettori su quale dei due candidati restanti far convergere i propri voti. Soddisfatti gli studenti. I rappresentanti di Link-Udu hanno apprezzato un’elezione avvenuta senza badare ai “veleni” spari durante la campagna elettorale. “Tale risultato – hanno detto – dimostra che il meccanismo innescato per alimentare i veleni, spostando l’attenzione su questi ultimi piuttosto che sui programmi, non abbia fatto breccia all’interno del corpo elettorale, che non si è lasciato influenzare. Come studenti, siamo soddisfatti di aver contribuito con il nostro apporto al raggiungimento del quorum deliberativo; con l’auspicio che gli impegni assunti in campagna elettorale diventino obiettivi programmatici nell’agenda del neo-rettore, gli facciamo i nostri sentiti auguri”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!