Il Nardò perde di misura contro il Campania

Campania – Nardò: 1-0

Di Cesare Peluso Il Nardò esce sconfitto per 1 a 0 dal campo del Campania, dallo stadio “Dietro la Vigna”, nel quartiere Scampia di Napoli e subisce la prima sconfitta del 2012. Il Campania, con il gol di Di Palma, aggancia temporaneamente la testa della classifica, in attesa dei verdetti domenicali degli altri campi. Da segnalare e apprezzare la presenza di una decina di tifosi neretini, giunti fino a Scampia per non far mancare il supporto alla squadra, perché le bandiere granata potessero sventolare anche nel cielo di Napoli. Considerando le numerose assenze ed il valore dell’avversario, non si può rimproverare a al Nardò. Mister Longo deve infatti rinunciare agli acciaccati Vetrugno e Manco. La difesa è affidata a Schiavone, mentre De Razza viene schierato a centrocampo e il tridente, come previsto, è composto da Manca, Taurino e De Matteis. Dall’altra parte, il tecnico Campana, che deve fare a meno dello squalificato Cavallini, confida nella qualità e nella velocità della coppia d’attacco Olivieri – El Ouazni. La prima nota sul taccuino è per segnalare il tiro dal limite di Di Paola, che però si spegne a lato. I granata reagiscono al 26’ con una combinazione tra Manca e De Matteis che libera al tiro quest’ultimo, il pallone sfiora la traversa. Appena 4’ dopo il Campania passa: Olivieri batte un calcio di punizione e imbecca Di Palma, attuando uno schema, l’attaccante biancoazzurro batte Salerno e porta in vantaggio il Campania. I granata non reagiscono sul piano del gioco, come dovrebbero, ma su quello nervoso: Raponi e Manca vengono ammoniti. Al 46’ Di Paola impegna Salerno, costretto a salvarsi in corner. Con il Nardò in svantaggio si chiude la prima frazione di gioco. Nella ripresa, tra i granata, Della Tommasa rileva De Matteis. Il Nardò prende l’iniziativa e il Campania attende, ripartendo di tanto in tanto in contropiede. Il risultato sembra poter cambiare solo al 87’, quando Patera impegna seriamente il portiere del Campania Mennella, il quale si salva in due tempi. Nel finale, Patera e Schiavone lasciano il posto rispettivamente ad Aventaggiato e Giovannico. Il passivo per il Nardò potrebbe appesantirsi, se non fosse per la pronta risposta di Salerno sul diagonale di Vacca. Il Toro torna a mani vuote da Napoli e resta fermo a 34 punti in classifica. Sabato prossimo altro anticipo per il Toro, al “Giovanni Paolo II” va di scena il derby con il Casarano, che verrà trasmesso in diretta su Rai Sport. Spettacolo e passione sono garantiti.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!