Biblioteche by night. Oggi la decisione del CdA

Lecce. Dovrebbe essere approvata oggi la proposta dell’Unione degli studenti di allungare l’apertura delle aule studio

LECCE – Dovrebbe essere alla battuta finale la questione degli orari delle biblioteche, troppo brevi, secondo gli studenti, per una città che si autocandida ad essere universitaria. Dopo l'occupazione dello Studium 2000 del 16 novembre scorso, organizzata dai rappresentanti dell'UdU, l'amministrazione nel CdA del 7 dicembre decise di accogliere le richieste degli studenti: orario prolungato per la biblioteca interfacoltà di Studium 2000 fino alle 20.30 fin dal 9 gennaio 2012 e l’impegno di allungare l'orario di apertura della stessa fino alle 22 e di tutte le altre biblioteche fino alle 18.30 da febbraio 2012. Siamo quindi alla fine della vicenda: oggi si terrà il Consiglio d'amministrazione, in cui il direttore amministrativo proporrà un piano di modifica degli orari delle biblioteche, mantenendo gli impegni presi a dicembre. Nonostante i risultati soddisfacenti dell'iniziativa organizzata, i rappresentanti credono che molto ancora debba essere fatto. “Un’Università che conta 26.000 studenti e si definisce un ateneo ‘eccellente’ – dicono dell'Udu – non dovrebbe aver bisogno di proteste e occupazione di biblioteche per fornire agli studenti i servizi minimi, che in altre città italiane sono solide realtà da decenni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!