Falsi incidenti per truffare le assicurazioni

Lecce. 17 indagati tra avvocati, medici, carrozzieri, liquidatori e periti. Contestate le accuse di associazione a delinquere e truffa

LECCE – 17 indagati, tra cui avvocati, medici, carrozzieri, liquidatori e periti. E’ l’inchiesta sui falsi incidenti finita sul tavolo del pm Antonio Negro che al momento contesta le accuse di associazione a delinquere e truffa. Le indagini sono state condotte dagli investigatori della Stradale coordinati dal vicequestore aggiunto Lucia Tondo e dalla sezione di polizia giudiziaria e sono partite dalla denuncia da parte di Unipol. Ne è venuto fuori un sistema per truccare i rimborsi delle assicurazioni, fondato su un accordo tra professionisti, artigiani e lavoratori del terzo settore allo scopo di intascare i risarcimenti dei danni simulati o gonfiati alle macchine e alle persone. Rispondono delle ipotesi di reato contestate gli avvocati Mauro Calò, 41 anni, di Lecce; Donato Maruccia, 26 anni, di Corigliano d’Otranto; Maurizio Spedicato, 24 anni, di Lecce; Monica Vinci, 38 anni, di Lecce. I medici Donatella Russo, 38 anni, di Alessano, in servizio all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce; Alfonso De Carlo, 29 anni, di Copertino, in servizio nell’ospedale di Copertino. I periti Osvaldo Dell’Onze e Giorgio Stomeo. Ed anche Antonio Martella, 49 anni, di Surbo; Santino Pepe, 59 anni, di Lecce; Leonardo Corlianò, di Zollino; Concetto Vilei, titolare della “Falco Investigazioni” di Trepuzzi; Angela Leone, 39 anni, di Botrugno; Lorenzo Micocci, 33 anni, di Botrugno; Nicola Scamardino. L’inchiesta andrà avanti per almeno altri sei mesi, dopo la proroga concessa al pm Negro dal gip Ines Casciaro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!