Pankiewicz: ‘Riscoprire la leccesità’

Lecce. L’invito del capogruppo dell’Udc a tutti i candidati alla carica di sindaco della città

LECCE – Quando il clima politico cittadino acquista via via più veleno, ci pensa il capogruppo dell’Udc a Palazzo Carafa, Wojteck Pakiewicz, a riportare pace con un invito: rispolverare il senso di comunità e di “leccesità”. Invito rivolto a tutti i candidati alla carica di sindaco di Lecce, indipendentemente dalla loro fede politica. Il discorso di Pankiewicz forse appare un po’ nostalgico ma è il più saggio che si sia stato fatto negli ultimi giorni. “Lecce oggi è un agglomerato irrazionale, un deserto di valori – dice il consigliere -. Dimostrazione eclatante di ciò è stata la vicenda dell’immigrato, ma poteva essere un leccese, morto alla stazione nell’indifferenza generale. Lecce si deve rigenerare. Noi leccesi dobbiamo recuperare il senso del passato e della storia comune, del nostro essere ‘gente bona’ e ‘core presciatu’ e riconquistare fiducia e speranza nell’avvenire. Avere il senso della comunità significa sentirci parte attiva di un insieme di persone che orienta i propri sforzi, il proprio entusiasmo e le proprie passioni verso un obiettivo comune. Oggi ogni individuo cerca per sé il suo benessere. Penso che dovremmo superare l’idea di benessere come consumo, riscoprendo l’idea di benessere sociale, che fa riferimento ai rapporti del soggetto con tutti coloro che interagiscono con lui. Riscoprire i valori della comunità in una prospettiva di bene comune – continua Pankiewicz – significa pure che i cittadini, sentendosi parte viva, componenti attivi della ‘polis’, dimostreranno attenzione, sia verso la tutela dei luoghi, degli spazi comuni, senza bisogno di cancelli, sia verso le altre persone, nella consapevolezza che l’altro è essenziale e prezioso e perciò gli dobbiamo cortesia e solidarietà. Partendo dall’idea di comunità e di bene comune possiamo tutti contribuire a progettare e costruire la città dell’uomo a misura d’uomo”. Utopico? Tempo qualche giorno – il necessario per verificare la risposta e le reazioni da parte dei candidati – e lo sapremo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!