Ribaltamento stazione. Il Pd: ‘A rischio 13 milioni’

Lecce. Sergio Ventura chiede all’Amministrazione di escludere il progetto di Siza e concentrare le risorse sulla stazione

LECCE – Accantonati per un momento i temi che hanno suscitato i grandi dibattiti degli ultimi mesi, come la vicenda filobus o l’affaire di via Brenta e simili, la questione leccese più discussa nelle ultime ore è quella relativa al progetto di ribaltamento della stazione. Dopo la conferenza organizzata ieri sul tema da Carlo Salvemini, candidato alle Primarie del centrosinistra, nella quale si è chiesta al Comune maggiore trasparenza sulle decisioni relative alle trasformazioni urbanistiche della città, ad intervenire nel dibattito è il Pd ed in particolare Sergio Ventura, responsabile provinciale del partito per il settore trasporti e mobilità. Accostandosi alle posizioni di Carlo Salvemini, Ventura chiede a Palazzo Carafa di fare chiarezza sul lavoro che il gruppo di progettazione ha già avviato e sulle scelte funzionali indicate dall'Amministrazione comunale. Il pericolo paventato dal Partito democratico è la perdita del finanziamento regionale di 13 milioni (in seguito alla delibera Cipe dell’estate scorsa) come conseguenza della volontà del sindaco Paolo Perrone di inserire, nel progetto per il ribaltamento della stazione, alcune opere del progetto di Alvaro Siza che a avrebbero a che fare, secondo il Pd, con il ribaltamento. “Le urgenti scadenze definite tra Regioni e Governo – ha dichiarato Ventura – per i progetti finanziati con la delibera Cipe, impongono al Comune di Lecce di accelerare la definizione preliminare del progetto sul ribaltamento per evitare di perdere i fondi stanziati”. I 13 milioni messi a disposizione dalla Regione Puglia serviranno in parte (6 milioni di euro) per realizzare il sottopasso, la nuova stazione Fse e il nuovo piazzale, previsti in un progetto redatto dalle Fse e per la restante parte (7 milioni) per realizzare sul lato delle Cave, le infrastrutture necessarie per rendere la nuova stazione un nodo di interscambio per tutta la provincia di Lecce. “Riteniamo – ha detto Ventura – che sia indispensabile realizzare il terminal degli autobus extraurbani, del SalentoinBus e della navetta per l'aeroporto di Brindisi; un parcheggio pluripiano per le auto dei viaggiatori; un edificio direzionale per gli uffici turistici e di servizio; l'area per il carico e scarico dei bagagli dei viaggiatori in partenza e la funzionale viabilità di accesso”. Per realizzare tutto questo sarà necessario, secondo il responsabile del settore trasporti del Pd, utilizzare tutti i 7 milioni di euro rimanenti e non impiegare dunque risorse, come invece vorrebbe fare l’Amministrazione leccese, per la realizzazione del ponte progettato dall'architetto portoghese Alvaro Siza. “Ciò produrrebbe – ha aggiunto Ventura – il duplice risultato di non completare il ribaltamento della Stazione e di realizzare un opera inutile per la città di Lecce. Inutile in quanto il ponte sostituirebbe l'attuale strada del Ninfeo, oggi esistente, che sarebbe demolita per realizzare il passaggio aereo. Inoltre essendo palesemente il ponte non funzionalmente integrato alle opere per cui sono state stanziate le risorse, Lecce potrebbe correre il rischio di vedersi rigettare, dagli Uffici regionali, il progetto con seri problemi sulla realizzabilità di tutto il ribaltamento della stazione”. L’invito del Pd a Perrone è dunque ad abbandonare, per il momento, l’idea progettuale di Siza, e di concentrarsi invece esclusivamente su quella del ribaltamento della stazione. Per non perdere il finanziamento regionale e per concludere l’opera non rischiando di lasciarla incompiuta e dunque inutilizzata dai cittadini. L’Amministrazione, dunque, viene chiamata ancora una volta, dopo l’invito già lanciato ieri da Salvemini, a rendere conto ai cittadini di come intenda impegnare il gruppo di progettazione e ad accogliere, le proposte avanzate per la compiuta realizzazione di quella che viene considerata una infrastruttura indispensabile allo sviluppo urbano di Lecce.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!