Primarie. Scontro Perrone-Poli. ‘Decida lei la data’

Lecce. Il sindaco invita la senatrice a sciogliere la riserva sulla sua candidatura

LECCE – Ci risiamo. Come due ex amanti, litigano e poi fanno pace. E quando sembra che le cose siano finalmente sotto controllo, ecco una nuova sfuriata. Ad oggi, i due ex amici Paolo Perrone ed Adriana Poli Bortone, sono di nuovo nemici. E dopo mesi di silenzio, l’argomento Primarie del Pdl ritorna agli onori della cronaca leccese. Perché ieri la senatrice ha accusato il sindaco (ed il partito) di non aver ancora elaborato il regolamento che normi la consultazione ed oggi il primo cittadino le risponde che si tratta solo di un bluff e che è lei ad avere paura di scontrarsi con il suo ex vice. Quindi, fa il galantuomo offrendole la possibilità di scegliere la data per lo scontro diretto. A patto che, in caso di sconfitta, lei appoggi lui senza remore, perché è la regola delle Primarie. “Ho detto fin dall'inizio di essere pronto a fare le primarie – dice Perrone -. Anzi, posso dire di essere stato in assoluto il primo a esplicitare questa posizione. Nonostante io sia il sindaco uscente, non ho mai inteso sottrarmi al confronto con chi, meglio di me, crede di poter rappresentare il centrodestra a Lecce. Non si può certamente dire lo stesso della senatrice che, ad oggi, non ha mai sciolto la riserva sulla sua candidatura, non ha mai proposto una data, né mai chiarito a quali primarie intenda partecipare: quelle del centrodestra o quelle del centrosinistra. O se intenda, come ha esternato più volte negli ultimi tempi, essere la candidata del Terzo Polo. Perché, inutile negarlo, il dubbio c'é. I cittadini sono stanchi di questa tiritera. La Poli – aggiunge – ormai abbiamo imparato a conoscerla tutti, getta il sasso e nasconde la mano: vuole il filobus e poi si dimentica di averlo voluto, scaricando le responsabilità sui suoi collaboratori più fidati; compra i palazzi di via Brenta e dimentica di averli acquistati. Il copione é sempre lo stesso. Mi preme farle capire, però, che io non intendo perdere altro tempo. Non credo assolutamente possa essere il regolamento, per il presidente di Io Sud, un ostacolo insormontabile. Ci si potrebbe anche ispirare alle primarie del centrosinistra, facendo votare tutti i leccesi iscritti nelle liste elettorali. Quindi, restiamo in attesa di conoscere la decisione della senatrice, se é sua intenzione concedere questo onore a noi e a tutti i leccesi”. Ma c’è una condizione, ovviamente. Eccola: “Se dovesse perdere le primarie, dovrà sostenere la mia candidatura alle elezioni”. “Mi viene da pensare – conclude – senza doverci riflettere troppo, che sia questo il suo vero problema, l'ostacolo insormontabile che non le consente ancora di uscire allo scoperto. Capisco l'imbarazzo di aver lanciato una proposta per bocca della consigliera Mariano e non sapere come metterla in pratica. Il problema, però, é tutto suo”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!