Facci riflettere

Lecce. A Gesù Bambino, per Natale, Simona Manca chiede la forza per contribuire alla costruzione di un mondo migliore

Di Simona Manca* LECCE – Caro Gesù Bambino, il momento storico che stiamo vivendo è difficile. Molte persone hanno perso il lavoro, le famiglie sono in grave difficoltà economica, i giovani non riescono a trovare un’occupazione e ad esprimere le loro competenze e professionalità formatesi in molti anni di studio. Molti non hanno più una casa portata via dalla natura inclemente. Molti Paesi sono dilaniati dalle guerre, e molti fratelli costretti a lasciare la propria casa e la propria famiglia per cercare fortuna in altre terre. La crisi e le guerre sono state determinate da molteplici fattori economici e politici di carattere mondiale. La politica, tutta, senza distinzione, di ogni Stato e di ogni colore politico, forse non è riuscita ad affrontare tutte le sfide della modernità e a dare risposte adeguate ai bisogni e alle aspirazioni della società. Perciò, Gesù Bambino, ti prego, illuminaci e aiutaci a fermarci un attimo a riflettere, a farci carico ciascuno delle nostre responsabilità, a impegnarci a dare un contributo per la salvezza ed il futuro delle nostre comunità, mettendo da parte le diverse appartenenze politiche e, ancor più, i pregiudizi, le riserve personali, gli egoismi, e ogni sentimento che possa ostacolare la solidarietà e l’impegno nei confronti del nostro prossimo. Aiutaci e illumina i nostri cuori e le nostre menti perché valori come la carità verso i fratelli più sfortunati, la lealtà, la coerenza, la dignità, l’onestà, siano la nostra stella cometa, e perché i sentimenti come l’amore e l’amicizia, siano il motore della nostra vita; solo così tutti, ciascuno secondo le proprie possibilità, potremo contribuire a risollevare le nostre sorti e quelle della nostra comunità. *vicepresidente della Provincia di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!