Bambini affetti da diabete. C’è il Centro

Casarano. Sorgerà nell’unità operativa di Pediatria dell’ospedale “Ferrari”

CASARANO – Il direttore generale dell’azienda sanitaria di Lecce, Valdo Mellone, con provvedimento del 7 dicembre scorso (delibera n. 665), ha istituito il Centro Diabetologico Pediatrico provinciale all’interno dell’unità operativa di Pediatria del presidio ospedaliero “Ferrari” di Casarano. Con lo stesso provvedimento l’Asl salentina ha affidato al dott. Giuseppe Ponzi, dirigente medico specialista in Diabetologia pediatrica, la responsabilità della struttura e di dare mandato al direttore della stessa unità, dott. Alessandro Tronci, di individuare gli spazi fisici per poter allocare il centro e di prevedere due posti letto in day hospital all’interno di quelli assegnati allo stesso reparto. Il centro di Casarano è l’unica struttura di riferimento per decine di famiglie con bambini o adolescenti affetti da questa grave malattia ed opera da circa 15 anni prevalentemente in regime di ambulatorio e day hospital. I numeri dell’unità sono importanti: sono infatti circa 80 i pazienti con diabete seguiti, di età compresa tra i due e i 18 anni, la quasi totalità della popolazione infantile della Provincia di Lecce. Ma al centro di Casarano fanno riferimento anche bambini e adolescenti provenienti dalle province di Brindisi, Taranto e Bari, in particolare i casi molto complessi che si avvalgono del servizio educativo-formativo del centro, l’unico di fatto esistente nell’intera regione. La notizia ha chiaramente soddisfatto le famiglie interessate, in particolare quelle associate all’Apds onlus (Associazione Pediatrica Diabetici del Salento) che si è battuta per questo traguardo. “E’ stata una grossa conquista per tutti noi, un grande riconoscimento – ha commentato Marina Scorrano, presidente dell’associazione – ora siamo sicuri che qualsiasi cosa accada nella sanità non ci toglieranno questo ‘diritto’ alla cura”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!