CSI: ad Acaya le premiazioni di fine anno

Pioggia di premi alla cerimonia del Centro Sportivo Italiano tenutasi presso il castello di Acaya di Lecce. Durante l'evento è intervenuto il presidente Marco Calogiuri.

Nella suggestiva location del castello di Acaya si è svolta la premiazione delle squadre e degli atleti del Csi che hanno partecipato alla fase agonistica dell’attuale stagione sportiva. Con il 2011 quasi alle spalle, il Centro Sportivo Italiano ha voluto omaggiare le eccellenze che si sono distinte nel corso dell’anno. Alla cerimonia hanno preso parte ospiti d’eccezione tra i quali Mirko Pastore, assessore allo sport di Vernole, Mario Mangione, sindaco di Vernole, Dino Diso, presidente regionale Csi Puglia, Francesco Maizza, presidente provinciale Csi Brindisi, Ottavio Leo, componente della giunta Coni di Lecce e Ivano Rolli, vice presidente regionale Csi Puglia. A questi vanno aggiunti oltre i tecnici e dirigenti del Csi Lecce: Salvatore Gentile, direttore area comunicazione, Luca De Mitri, vice presidente, Simona Tondo, direttore area formazione, Michele De Giorgi, direttore tecnico. L’evento è stato luogo di ringraziamenti da parte del presidente del Csi provinciale Marco Calogiuri, rivolti al lavoro del comitato e all’impegno dei dirigenti e degli allenatori. Un ringraziamento speciale è stato riservato anche a i genitori degli atleti che si sono rivelati determinanti nella sana crescita sportiva dei loro figlioli e soprattutto dei più piccoli. Rimanendo sull’orbita del Centro Sportivo Italiano, la sera del 19 dicembre si è svolta invece la premiazione relativa all’attività del Calcio a 5, Oratorio cup, finali interprovinciali Calcio a 5 presso il castello “Spinola-Caracciolo” per le squadre e gli atleti del basso Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!