Nardò e Real Nocera si dividono la posta

I granata di mister Longo chiudono l'anno solare con il pareggio casalingo contro la Real Nocera col risultato di 1-1. Per i neretini a segno l'esordiente Verri.

Il Toro rialza le corna e conquista un punto fondamentale dinanzi al proprio pubblico, al cospetto della Real Nocera con una rete per parte. Un risultato che fa vedere il bicchiere mezzo pieno ai granata in virtù delle due sconfitte di fila incassate contro Ischia e Viribus. I neretini hanno sfiorato il bottino pieno in più di un’occasione, ma il pareggio accontenta tutti e permette al Nardò di chiudere il 2011 da terzo in classifica con 32 punti in coabitazione di Martina Franca e Campania. Il nastro delle emozioni parte con il sussulto degli ospiti al minuto 9, quando l’estremo difensore granata sventa la potente conclusione di Bove. La prima parte della gara continua ad assumere tinte rossonere e al 24° un’insidiosa punizione di Caraviello si spegne sul fondo. Il cinismo del Toro si materializza nell’unica occasione dei neretini del primo tempo; è il minuto 32 quando l’esordiente Verri, complice un maldestro retropassaggio di Bove, recupera palla e mette in rete dopo aver dribblato il portiere. Il vantaggio dei padroni di casa dura poco e al 41° gli ospiti trovano il pari grazie al tap-in vincente di Fabio Longo che, in seguito al palo colpito da Letterese, raccogliere in area piccola e deposita in rete. Il film del secondo tempo è l’esatto opposto del primo, con le squadre che abbassano i ritmi per un pareggio che sta bene ad entrambe. L’unica vera emozione della ripresa si concretizza a nove minuti dal termine con la staffilata mancina del baby Matteo Longo, ma il numero uno rossonero salva il risultato fissando il match sull’1-1 finale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!