Il centrosinistra si divide su Zompì

Casarano. Sel, Pdci/FdS, Udc e Api ribadiscono che la condizione primaria di un possibile accordo è la discontinuità con l’amministrazione De Masi

CASARANO – Centrosinistra diviso sull’alleanza con le forze politiche rimaste fedeli all’ex sindaco Ivan De Masi. Sel, Pdci/FdS, Udc e Api ribadiscono che la condizione primaria di un possibile accordo è la discontinuità con l’amministrazione comunale caduta il 5 aprile scorso. Significa, in termini pratici, lasciare fuori dal tavolo della trattative l’ex presidente del Consiglio Comunale, Paolo Zompì, referente locale del movimento “La Puglia per Vendola”, e il Partito Socialista che durante l’incontro dell’altra sera ha chiesto l’allargamento della coalizione all’associazione “Con Ivan De Masi sindaco”. Nello stesso incontro i rappresentanti di Sel, la forza politica che più di tutte negli ultimi giorni ha sostenuto questa posizione, ha chiesto a Zompì un passo indietro. Sulle resistenze del delegato di PxV, la segretaria di Sel, Patrizia Cristaldi, avrebbe imposto l’aut-aut: “o noi o voi”. Anche il Pdci è sulla stessa linea. Una lunga e articolata nota del Direttivo cittadino la definisce chiaramente. “L'unica pretesa che abbiamo sempre avanzato e che ribadiamo con forza – spiega il Pdci – è la discontinuità con la fallimentare amministrazione De Masi, con il suo gigante conflitto di interessi e con quelle personalità e forze politiche che fino all'ultimo l'hanno sostenuta. Purtroppo, questa che per noi deve essere una caratteristica fondante il nuovo centro-sinistra cittadino, sta venendo meno con la partecipazione al tavolo di coalizione, in seguito ad un input delle segreterie provinciali, di segmenti politici contigui con De Masi e con la vecchia giunta”. Il Pdci ricorda il Consiglio Comunale di un anno fa che doveva respingere il progetto della centrale a biomasse, accusando Zompì di aver contribuito a far mancare il numero legale e quindi di evitare la discussione. Una “ferita aperta” la definisce Alberto Chiriacò, responsabile cittadino dell’Udc, partito che ruppe definitivamente con De Masi in seguito a quell’episodio. “Noi siamo incompatibili con Zompì – ribadisce Chiriacò – con lui non abbiamo niente in comune”. Ma sul tavolo del centrosinistra c’è un’altra questione delicata e riguarda le primarie. Udc e Api non sono d’accordo ed è per questo che hanno avviato un dialogo con forze politiche di centro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!