Gioconda, Elisir,Carmen. Ecco la Lirica della Provincia

Lecce. VIDEO. Si parte il 10 febbraio. Questa sera al Politeama Greco la finale del concorso di canto “Tito Schipa”

LECCE – La 43esima Stagione Lirica Tradizionale 2012, si apre ufficialmente il 10 febbraio al Politeama Greco di Lecce. Organizzata dalla Provincia di Lecce e dal suo assessorato alla Cultura. Diciamo subito che nella conferenza stampa di presentazione del Cartellone, presentato dal direttore artistico Filippo Zigante, questi ha sottolineato la qualità degli appuntamenti nonostante la crisi che attanaglia la Cultura. La vicepresidente della Provincia Simona Manca ha sottolineato come “nonostante la grave situazione economica generale la Provincia di Lecce ha comunque voluto salvaguardare quella che rappresenta una delle valenze più importanti del territorio”. Diciamo ancora dell’altra novità di quest’anno. Grazie alla convenzione tra l’associazione Amici della Lirica “Tito Schipa”, Provincia e Fondazione Ico, i vincitori della 13esima edizione del concorso di canto “Tito Schipa” – la finale si terrà questa sera al Politeama Greco – con l’Orchestra Ico “Tito Schipa”diretta da Marcello Panni, faranno parte del cast de “L’Elisir d’Amore” di Gaetano Donizetti. La seconda novità: le scenografie sempre dell’Elisir saranno realizzate dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Lecce. E la ciliegina sulla torta: la regia dell’opera, che fu il cavallo di battaglia del grande Tito Schipa, sarà del figlio Tito Schipa jr. La Gioconda” di Amilcare Ponchielli, con la regia di Petar Selem, in scena il 10 e il 12 febbraio. “L’Elisir d’Amore” di Gaetano Donizetti, il 23 (Matinée per gli studenti), il 24, 25 e 26 febbraio. La “Carmen” di Georges Bizet con la regia di Carlo Antonio De Lucia in scena il 7, 9, 10 e 11 marzo. Delle opere in Cartellone si parlerà negli incontri organizzati dall’Associazione Nireo e dagli Amici della Lirica che inizieranno i primi di febbraio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!