Ju-Jitsu: la ” Hiwashita” porta sullo Jonio la Coppa Italia

“Il Ju-Jitsu gallipolino” sale sul tetto d'Italia grazie all'impresa a Campobasso della società sportiva Hiwashita con la conquista della Coppa Italia.

La società sportiva Hiwashita di Gallipoli porta a casa la “Coppa Italia 2011” di Ju-Jitsu. Il prestigioso trofeo nazionale è stato ottenuto nei giorni scorsi presso il palasport di Montenero di Bisaccia in provincia di Campobasso. La manifestazione è stata organizzata dal Centro provinciale sportivo “Libertas” di Campobasso e patrocinato dalla regione Molise e dal comune di Montenero di Bisaccia, dal Coni provinciale e dall'Associazione Italiana Ju Jitsu. Oltre alla presenza del sindaco e di note personalità politiche, hanno preso parte all’evento diverse società provenienti dalle principali realtà italiane dell’affascinante disciplina marziale. L’ennesima impresa ha impreziosito il medagliere del team gallipolino con ben 8 ori, 4 argenti e un bronzo nella specialità del Fighting system, mentre nel Duo System la conquista di altri 14 ori e 6 argenti, hanno permesso di prevalere nella speciale classifica finale per società, dove la scuola salentina si è imposta sul gradino più alto alzando al cielo la Coppa Italia. Nella specialità del Fighting system sono saliti sul podio i seguenti atleti: Alessandro Ghiaccio, Alessia Greco, Desirèe Dalle Sasse, Gabriele Greco, Luigi Marcorelli, , Luciano Perrone, Lorenzo Maggio e Mattia Greco, Beatrice Perrone, Manuel Sarcinella, Nicola Casole, Rocco Piccinonno e Matteo Dalle Sasse. Nel Duo System invece gloria per Gabriele Greco, Alessandro Ghiaccio, Luciano Perrone, Rocco Piccinonno, Desirèe Dalle Sasse, Beatrice Perrone, Alessia Greco, Desirèe Dalle Sasse, Luigi Marcorelli, Andrea Gatto, Manuel Sarcinella, Mattia Greco e Matteo Dalle Sasse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!