Posta, ferma per ferie. Protestano i sindacati

Lecce, Brindisi, Taranto. Poste Italiane impone il “ponte obbligatorio” per i dipendenti con l’obiettivo di far cassa

E’ una “vincolante indicazione gestionale”, dunque non è un indirizzo o un suggerimento. E’, praticamente, un ordine. Lo emana Sergio Azzollini, il responsabile RAM2 Recapito Area Manager che riguarda le province di Lecce, Brindisi, Taranto, Potenza e Matera) del Sud1 di Poste Italiane ed è indirizzato ai direttori di filiale. Obbligati, appunto, ad interrompere, di fatto, il servizio di consegna della posta per il giorno 9 dicembre. Obbligati, in pratica, ad imporre ai propri dipendenti il giorno 9 dicembre come giorno di ferie. Contro quest’ordine si sono scagliati nelle scorse ore i segretari generali della SLC CGIL delle province di Lecce, Brindisi e Taranto, Salvatore Labriola, Bruno Tataranni ed Amedeo Pesce. Come si legge nella lettera (allegata) giunta alla segreteria della Cgil in forma anonima, il capo Ram2 sarebbe responsabile di un grave disservizio a danno dei cittadini che non riceveranno la posta fino al 12 dicembre (vengono garantiti soltanto la consegna dei telegrammi e poche attività di presidio). L’“invito” categorico ai territori è infatti di “erogare ferie massive per la giornata di venerdì” 9 dicembre “per tentare di recuperare qualche punto/decimale percentuale per centrare l’obiettivo comune” (azzeramento giornate di ferie entro l’anno). lettera Poste Italiane “In questa maniera – denunciano i segretari della Slc Cgil di Lecce, Brindisi e Taranto – si svuotano i territori di centinaia di portalettere, approfittando del ‘ponte dell’Immacolata’ per fare cassa. Un risparmio che prevede premialità individuali a beneficio esclusivo di pochi responsabili aziendali e che provoca un danno non quantificabile su un servizio indispensabile e universale per i cittadini”. Si tratta inoltre di un danno di immagine per Poste Italiane, già fortemente compromessa dalle vicende di alcuni mesi fa della corrispondenza inviata al macero, al vaglio della Procura della Repubblica su indagine della Guardia di Finanza, e che si era guadagnata le forti rimostranze dei sindaci di Lecce e provincia e della stessa azienda Poste. Le segreterie provinciali della SLC di Lecce, Brindisi e Taranto, pertanto, hanno inoltrato una dura protesta nei confronti dell’azienda chiedendo l’immediato intervento sul responsabile RAM2. “Le ferie organizzate in questo modo – dichiarano – fanno risparmiare sulle assunzioni di personale a tempo determinato e impongono ai lavoratori prestazioni aggiuntive (abbinamenti di zone di recapito) e straordinarie per smaltire il lavoro arretrato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!