'Città ideali'. Lecce tra le prime 15

Lecce. Buon piazzamento del capoluogo salentino nella classifica del Sole 24 ore. E Perrone rilancia l’idea di “Lecce capitale della Cultura”

LECCE – “Gli sforzi prodotti da questa Amministrazione per la crescita del territorio sono sotto gli occhi di tutti. Certo è un cammino lungo e complicato ma che pian piano ha iniziato a dare i suoi frutti. D’altronde le classifiche sono lì a testimoniarlo. Come quella stilata dal quotidiano Il Sole 24 Ore che pone Lecce tra le 15 città italiane dove andare a vivere. E’ l’ultimo riconoscimento – in ordine di tempo – per il capoluogo salentino che dimostra la bontà del percorso intrapreso dall’Amministrazione comunale”. Paolo Perrone, sindaco di Lecce, commenta con soddisfazione il risultato conseguito dalla città capoluogo del Salento nell’ambito della ricerca effettuata dal Sole 24 ore. Nella classifica stilata dal quotidiano economico, il Comune leccese risulta tra le prime 15 “città ideali”. Ricordiamo invece che la provincia di Lecce nel suo complesso è all’85esimo posto su 107 per qualità della vita. Quello del Comune amministrato da Perrone sarebbe, come il sindaco dichiara, “un successo che parte da lontano grazie ad un territorio che riacquisisce la sua forte identità trasmettendo emozioni ed esperienze uniche anche in un momento in cui le mete a forte vocazione turistica segnano il passo per l’impoverirsi dei bilanci familiari, aziendali e statali”. Così Perrone coglie l’occasione per rilanciare l’idea di Lecce capitale europea della Cultura 2019. “Ha tutte le carte in regola per esserlo – dice -. Anzi, Lecce, di fatto, tutto questo lo è già. Con le sue chiese e la sua creatività, con il suo barocco e il sorriso della sua gente, Lecce è patrimonio culturale dell’umanità tutta. Per queste ragioni continueremo a lanciare ogni giorno la nostra sfida per tagliare questo importante traguardo nella speranza di ritrovare al nostro fianco tutte le forze vive di questa città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!