Polizia locale. Ok al nuovo ordinamento

Bari. Approvato il disegno di legge sulla riorganizzazione della sicurezza: più tecnologia e servizi più innovativi

BARI – Con 49 voti favorevoli e un astenuto è stato approvato stamattina dal Consiglio regionale pugliese il disegno di legge riguardante l’ordinamento della polizia locale e la promozione delle politiche integrate per la sicurezza. Il provvedimento è stato illustrato in aula dal presidente della seconda commissione Giovanni Brigante, che lo ha giudicato un “importante e necessario passo in avanti in un quadro normativo generale vetusto e obsoleto”. Obiettivo principale delle legge, potenziare l’efficacia dei servizi di polizia locale, attraverso una migliore organizzazione funzionale, l’innovazione dei servizi e delle tecnologie e la collaborazione tra istituzioni e organizzazioni di volontariato. “La legge – ha spiegato Brigante – introduce nuovi modelli di polizia locale volti a migliorare la sicurezza e il controllo della persona, delle comunità e del territorio”. Una funzione che richiede il supporto della Regione che assume un ruolo di coordinamento oltreché di promozione e di integrazione delle politiche locali di sicurezza. Per quanto riguarda invece l’articolazione delle funzioni tra Province e Comuni, si fa riferimento al principio di sussidiarietà: sono previste nuove attribuzioni al sindaco, quale ufficiale di governo in materia di sicurezza, ordine pubblico e polizia giudiziaria e si tiene conto delle funzioni della Provincia in relazione alle attività ittico-venatorie, tutela dell’ambiente e dei luoghi di lavoro, controllo delle zone rurali e protezione civile. Il ddl, che ha recepito la proposta di legge del consigliere Antonio Buccoliero (Mep), è stato integrato da due emendamenti: il primo, a firma dei consiglieri Giovanni Brigante(PpV)e Franco Pastore (Psi), riguarda l’articolo 6, relativo all’organizzazione dei corpi e dei servizi di polizia, e prevede “l’adeguamento delle dotazioni e procedure di sicurezza a tutela degli operatori impiegati nel servizio notturno”. Il secondo, proposto dal consigliere Andrea Caroppo (Ppdt) sancisce il principio per cui “fermi restando i limiti stabiliti dai contratti nazionali, i comandanti potranno gestire le proprie prestazioni lavorative in maniera più flessibile, articolandole in funzione delle esigenze di servizio”. Una novità del disegno di legge è l’investimento nel settore della qualificazione e dell’aggiornamento professionale, con l’istituzione della scuola di formazione per la preparazione degli agenti di Polizia. “Piena adesione al disegno di legge” è stata espressa dal capogruppo del Pdl Rocco Palese che ha sottolineato l’importanza del provvedimento in quanto “rappresenta un supporto essenziale al lavoro delle forze di polizia locale”. “Un ringraziamento ai consiglieri per la sensibilità dimostrata ad accogliere le sollecitazioni dei sindacati e delle associazioni di categoria” è stato rivolto dall’assessora agli Enti locali Marida Dentamaro, secondo la quale “la legge risponde finalmente alla domanda di sicurezza e tutela da parte dei cittadini e rispetto alla quale la polizia locale rappresenta il primo baluardo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!