Alienazioni: una polemica lunga un anno

Dopo un anno, Antonio Rotundo torna a chiedere alla Giunta di avvalersi della valutazione dell'Agenzia del Territorio per l'alienazione degli immobili

LECCE – Com'è noto, da tempo il Comune di Lecce – vista la precarietà economica in cui versa – ha deciso di alienare parte degli immobili di sua proprietà. Il Pd, pur in netta opposizione con la scelta della Giunta, aveva presentato, più di un anno fa, un ordine del giorno contenente la proposta di affidare la valutazione di congruità degli immobili da vendere all'Ute (ora Agenzia del Territorio). A distanza di diversi mesi, Antonio Rotundo, capogruppo del Partito Democratico a Palazzo Carafa, è ritornato sulla questione: “Fin da quando è nata l'idea di un Piano delle alienazioni -ha dicharato Rotundo -, il Pd ha sempre affermato che una gestione oculata delle risorse pubbliche imponesse il dovere politico e morale di affidare la valutazione di congruità dei beni immobiliari da alienare all’UTE (ora Agenzia del Territorio) a garanzia di maggiore imparzialità e trasparenza dell’azione amministrativa. Ora il gruppo del Pd torna a ribadire con forza tale proposta; ricordando che i beni sono pubblici, cioè di tutti, e che il ricorso alle stime dell’ex Ute mette maggiormente al riparo il Comune dal rischio che gli immobili possano essere sottostimati con conseguente danno erariale per il Comune ma mette al riparo anche dal rischio che possano essere sopravvalutati”. Antonio Rotundo ha chiesto all'amministrazione comunale, come già fece nel gennaio scorso, di seguire l'esempio della Provincia di Lecce; a Palazzo dei Celestini, infatti, hanno sottoscritto un'apposita convenzione per avvalersi della Agenzia del Territorio per la stima degli immobili inseriti nel piano delle alienazioni. “A distanza di oltre un anno – conclude il capogruppo Pd – dalla presentazione del nostro ordine del giorno contenete questa proposta, restano ancora del tutto oscure le motivazioni delle persistenti resistenze di Palazzo Carafa a fare altrettanto”. Articoli correlati: Alienazione di immobili. Rotundo critico su scelte del Comune Lecce: 'alienazioni necessarie contro il dissesto'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!