Lettera al commissario: ‘Salviamo Area Sistema’

Casarano.Il centrosinistra chiede a D’Onofrio di non liquidare la società ma di rilanciarla

CASARANO – Federazione della sinistra, Italia dei valori, Partito democratico, Unione di Centro. Tutti insieme per chiedere al commissario un ultimo tentativo. Rilanciare Area Sistema e non liquidarla. Le motivazioni sono contenute nella lettera sottoscritta dai responsabili di questi partiti ed inviata nei giorni scorsi a Giovanni D’Onofrio al quale si chiede di individuare un percorso di rilancio di Area Sistema, che costituirebbe una “risorsa per i Comuni soci e per l’intero territorio del Basso Salento”. Secondo i firmatari della lettera, la situazione finanziaria della società sarebbe seria, ma non così disastrata da doverne decretare la morte quale condizione obbligata. Così nella lettera vengono ricordati tutti i “successi” di Area Sistema, come l’assistenza prestata in tutti i progetti sovra territoriali che hanno ricevuto apprezzamenti anche fuori dal territorio di stretta pertinenza. “Le sembra una storia che merita di essere dichiarata fallimentare?”, chiedono. Cancellare il Consorzio non sarebbe giusto neppure per chi – scrivono –, come i Comuni che gli hanno dato vita, hanno creduto nella qualità del progetto. “Pianificazione strategica e gestione associata dei servizi – si legge – sono i due elementi cardine della salvaguardia e dello sviluppo territoriale che possono ancora rappresentare un’ancora di salvezza per lo sviluppo territoriale e per il futuro del Basso Salento. Per questa sarebbe necessario stralciare dalle polemiche che accompagnano questi mesi di campagna elettorale, le questione relative allo sviluppo e al futuro del nostro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!