Il turismo? Appeso a un fiore

Bari. Dalla Regione 39.444,44 euro per finanziare l’allestimento dei borghi fioriti. Praticamente certa la partecipazione al bando di Taviano e Leverano

BARI – Per attrarre turisti, i borghi pugliesi si adornano a festa. E come in ogni festa che si rispetti, ricorrono ai fiori. La Regione ha pubblicato il bando “Borghi fioriti” per valorizzare e promuovere itinerari turistici e/o tematici nei borghi minori: i piccoli Comuni potranno così addobbare con i fiori i propri centri storici, risultare più “belli” agli occhi dei visitatori e promuovere il movimento turistico già all’ingresso della bella stagione. L’idea del bando trae spunto dal successo ottenuto nella recente settimana di promozione del circuito pugliese Borghi Fioriti, durante la quale i borghi hanno realizzato manifestazioni all’insegna dei fiori. L’avviso pubblico è promosso dall’assessorato al Turismo della Regione Puglia per l’erogazione di finanziamenti per progetti relativi alla realizzazione di eventi-allestimenti dei borghi fioriti “I fiori e la natura nei borghi”, da organizzare nella settimana pugliese dedicata ai fiori nei borghi, dal 1° al 6 giugno 2012. A disposizione ci sono 39.444,44 euro che serviranno a finanziare, ognuno con la somma di 19.722,22 euro, due progetti concernenti la realizzazione di un evento allestimento dei borghi fioriti. Il bando pugliese è stato pubblicato lunedì 21 novembre, su www.regione.puglia.it e su www.operatori.viaggiareinpuglia.it – Sezione “Bandi e Gare” ed è rivolto alle Amministrazioni comunali della Puglia che abbiano meno di 15mila abitanti, inserite in elenchi ufficiali già stabiliti con il progetto annualità 2005, che potranno aderire al circuito e concorrere al finanziamento, compilando online le schede di candidatura e di preliminare adesione, da inviare via e-mail all’indirizzo [email protected] entro lunedì 5 dicembre 2011. L’iniziativa rientra nel progetto interregionale di sviluppo turistico dal titolo “Itinerari culturali e tematici nei borghi storici italiani” presentato dalla Regione Emilia Romagna, capofila di progetto, per le annualità 2007, 2008 e 2009. Il progetto interregionale si articola in azioni, a cura della Regione capofila, e azioni specifiche a cura di ogni singola Regione. “L’obiettivo – ha spiegato l’assessora al Turismo Silvia Godelli – è valorizzare la straordinaria qualità e tradizione dei Borghi minori e dei piccoli centri storici della Puglia per sostenerne e potenziarne l’attrattività e di metterli in rete, in una visione dello sviluppo locale e turistico che punta a evidenziare la qualità speciale, la bellezza e la storia dei nostri territori”. Come risponderà il territorio a questo invito? L’abbiamo chiesto ai sindaci di Taviano e Leverano, le due realtà di rilievo per il florovivaismo nel Salento, per sapere dalla loro viva voce se hanno già valutato l’opportunità della partecipazione al bando. Il sindaco di Leverano, Cosimo Durante ed il “suo” assessore alla Floricoltura Mario Zecca ci hanno fatto sapere di stare valutando proprio in queste ore il bando ‘Borghi fioriti’ comunicando la loro praticamente certa presenza tra i Comuni aderenti. Il sindaco di Taviano Città dei fiori, Carlo Portaccio e l’assessore alla Floricoltura Eliano Olive, hanno riferito di aver già valutato il bando e di stare scegliendo in queste ore se presentare un progetto, di alta levatura per potersi assicurare il finanziamento, rivolto all’utilizzo delle piante ornamentali (previsto dal bando) o all’uso dei fiori, contrassegno della cittadina tavianese. Ciò che è certo, per ora, è che questi due Comuni, “fiori” all’occhiello del Salento, parteciperanno al bando. Noi incrociamo le dita per loro, aspettando di fare una passeggiata da turisti, nelle stradine dei centri storici resi ancora più belli di quanto non siano da petali e profumi floreali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!