Servizio volontario europeo. Info day alle Cantelmo

Lecce. Opportunità per i giovani: dai due ai 12 mesi di volontariato in settori strategici. Tutte le informazioni alle ‘Officine’ dalle 10.30 alle 15

LECCE – Un info day sul Servizio volontario europeo (Sve) è quello promosso dal Centro Europe Direct-Eures, che opera all’interno dell’assessorato Formazione e Lavoro della Provincia di Lecce, per oggi, a partire dalle ore 10.30 e fino alle 15, presso le Officine Cantelmo. La giornata informativa vedrà la partecipazione dell’Agenzia nazionale Giovani, con la presenza dell’esperta Paola Trifoni, e delle organizzazioni operanti sul territorio salentino, accreditate in veste di organizzazioni di “invio”, “coordinamento” o “ospitanti”. I lavori si apriranno con l’intervento di Bernadette Greco, del Centro di Informazione Europe Direct-Eures della Provincia di Lecce (“Il Servizio Volontario Europeo: apprendimento non formale, Youthpass e Erasmus for all”). Seguiranno gli interventi di Paola Trifoni, dell’Agenzia nazionale Giovani (Ang) su “Il Servizio Volontario Europeo” e sul “Programma Gioventù in Azione”. Infine le testimonianze di Enti che favoriscono il Servizio volontario europeo (Arcobaleno, Centro Turistico Studentesco, Work in Progress, Jumpin, Insight, Lecce città universitaria), oltre a quelle di giovani ex-Sve che racconteranno la loro esperienza. Il Servizio volontario Europeo, Azione 2 del “Programma Gioventù in Azione”, offre ai giovani dai 18 ai 30 anni un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale, promuovendo l’integrazione sociale e la partecipazione attiva delle future generazioni. I giovani possono svolgere un’attività di volontariato in un paese del programma o al di fuori dell’Europa, per un periodo che va dai due ai 12 mesi, lavorando come volontari europei in vari settori o aree di intervento quali l’ambiente, protezione civile, assistenza sociale, patrimonio culturale, arte ed altro. Lo Sve è dunque mezzo di istruzione e formazione supplementare, inclusa e certificata sotto l’ampia categoria dell’apprendimento non formale di cui un giovane può arricchirsi ed arricchire il proprio curriculum grazie al rilascio, al termine del progetto, di un certificato youthpass (http://www.youthpass.eu/it/youthpass/guide/).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!