Casarano: Calabro e De Masi suonano la carica

Alla vigilia del ritorno sul campo amico del Capozza, capitan Calabro e il presidente De Masi caricano l'ambiente in vista dell'imminente match contro l'Internapoli

“La sfortuna e le pesanti assenze hanno gravato sulla classifica del Casarano. Non dobbiamo però crearci degli alibi e domenica dobbiamo fare tre punti”. Sono queste le dichiarazioni di capitan Calabro alla vigilia del match casalingo contro L’Internapoli il quale rincara la dose sostenendo: “ non possono mancarci sempre sette, otto giocatori a partita, mi aspetto quindi il rientro di alcune pedine fondamentali che ci consentano di fare il salto di qualità. La Virtus è pronta a tornare alla vittoria e vuole farlo nel suo palcoscenico prediletto, quel Giuseppe Capozza che per le note vicende, non ha potuto accogliere i suoi beniamini mandandoli nell’esilio del San Vito di Tricase, stadio che non ha portato fortuna ai ragazzi di mister Caracciolo i quali sperano di ritrovare nei supporter della loro vera casa il dodicesimo uomo in campo. Un fattore determinante a cui si rifanno le parole del presidente Ivan De Masi: “Abbiamo bisogno di un massiccio aiuto della nostra tifoseria. A Casarano il calcio è importante, visto l'apporto dato anche alla Nazionale di Ciro Ferrara la settimana scorsa. I successi passati sono stati costruiti grazie al rapporto, direi viscerale, con la nostra tifoseria”. Rimane comunque il fardello delle defezioni in casa Virtus, un handicap che Villa e soci dovranno tentar di sopperire anche dinanzi all’ostico Internapoli con l’arma della determinazione ma soprattutto attraverso il cuore dei suoi tifosi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!