Area sistema. Pantalone, paga!

Casarano. A breve la messa in liquidazione del consorzio di 19 Comuni. Che sono i principali debitori del consorzio

Area sistema è l’unico centro servizi della provincia di Lecce. Un consorzio di cui sono soci 19 comuni, che fornisce servizi di cui beneficiano gli stessi Comuni. E’ stata un’esperienza di governance d’eccellenza per il Sud Italia. Sta per essere liquidata perché c’è un disavanzo di poco più di 400mila euro tra il dare e l’avere. I Comuni la chiudono pur essendo loro stessi i principali debitori del consorzio. E il principale di tutti è proprio Casarano, con 200mila euro di debiti verso Area sistema, dove il commissario prefettizio Giovanni D’Onofrio si trova ad interpretare contemporaneamente il ruolo di carnefice e vittima: da presidente del consorzio convoca l’assemblea straordinaria per la messa in liquidazione a causa dei debiti, ma come Comune è il principale debitore. Il liquidatore dovrà comunque obbligare i comuni a pagare i debiti, mentre con una liquidazione non giudiziaria si potrebbe concordare un piano di rientro e anche di rilancio. Ma come si fa, se, come ci ha raccontato il sindaco di Sannicola, Giuseppe Nocera, quei 200mila euro sono arrivati dall’Unione europea, su capitoli di bilancio dedicati, ma non sono stati girati ad Area sistema? Che fine hanno fatto quei soldi? Intanto si affidano i servizi tributi ai privati, che utilizzeranno le infrastrutture di Area sistema, pubbliche, per erogare il servizio e che costeranno di più ai cittadini. Come diceva Moretti: facciamoci del male. Tanto, al liquidatore, paga Pantalone.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment