Minacce e violenza alla ex: arrestato stalker

Salice Salentino. Ai domiciliari Marcello Barbetta: dopo l’ennesimo episodio, la sua ex compagna ha trovato il coraggio di denunciarlo

SALICE SALENTINO – Marcello Barbetta, 39enne di Salice Salentino con alle spalle precedenti per delitti contro il patrimonio e la persona, a quanto pare non voleva saperne di accettare il fatto di essere stato lasciato da una donna. E la cosa, con il passare dei giorni, aveva fatto accendere in lui pulsioni che si sono tradotte in minacce persino di morte, pedinamenti, atti anche violenti e persecutori. Tutto con un unico obbiettivo: convincere la sua ex compagna a tornare con lui e a ripristinare un legame durato alcuni mesi. Ma con il risultato di vedersi mettere le manette ai polsi dai carabinieri del Norm – Aliquota Operativa della Compagnia di Campi Salentina, a seguito dell’ennesimo episodio. Nel pomeriggio di sabato 12 novembre, l’ex convivente, una casalinga quarantenne, si trovava a Novoli, a bordo della sua auto e in compagnia di un’amica. Barletta le ha raggiunte con la propria auto, cominciando a inseguire ed a speronare la vettura a bordo della quale vi erano le donne. Che, prese dalla disperazione, hanno lasciato la città dirigendosi verso Veglie. Ma nei pressi di un’area di servizio, son state raggiunte dall’uomo che ha prima mandato in frantumi un finestrino ferendo al volto l’amica della ex compagna, poi spezzando la chiave di avviamento della vettura ed infine rubando il tagliando assicurativo, per poi darsi alla fuga. La vittima dello stalking ha così deciso di denunciare tutti ai carabinieri. La pm Paola Guglielmi, titolare delle indagini per conto della Procura della repubblica presso il Tribunale di Lecce, ha individuato in tutti questi fatti i reati di “atti persecutori” (stalking), lesioni personali e danneggiamento, sottolineando il rischio che fossero reiterati ed evidenziando quindi esigenze cautelari che la gip Antonia Martalò ha ritenuto sussistenti disponendo la misura degli arresti domiciliari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!