Remetior. Chiesti 39 anni per Caramuscio e la moglie

 

Lecce. Droga, armi e bische clandestine. I coniugi Caramuscio avevano scelto il rito ordinario

LECCE – 39 anni di reclusione sono stati chiesti dal pm Guglielmo Cataldi per Salvatore Caramuscio, 43enne di Surbo, e la moglie, Simona Sallustio, 42enne di Lecce. I due, imputati nell’ambito dell’inchiesta “Remetior”, che il 16 luglio del 2010 portò all’esecuzione di 19 ordinanze di custodia cautelare, hanno scelto di essere giudicati con rito ordinario. Il 29 luglio scorso sono invece state emesse le condanne in abbreviato: 148 anni complessivi di carcere per 15 imputati. In particolare Cataldi ha invocato la pena di 26 anni per Caramuscio, alias “Scaramau”, il boss della Sacra corona unita (già condannato all’ergastolo) arrestato nel marzo del 2009, in un’abitazione a Cassano delle Murge e figura chiave nell’operazione, e 13 anni per la Sallustio. Il clan, che in Caramuscio aveva il suoriferimento, era dedito a varie attività criminali tra cui l’estorsione, l’usura, il traffico di droga (cocaina e hashish), la detenzione di armi da fuoco e munizionamento da guerra e la di gestione di bische clandestine. L’obiettivo era il controllo di numerose attività economiche, in modo da arrivare anche a ostacolare il libero esercizio del voto (un’ipotesi emersa nelle intercettazioni telefoniche e ambientali). Articoli correlati Remetior. 15 condanne per 148 anni anni di carcere (29 luglio 2011); Operazione ‘Remetior’: a giudizio ‘Scaramau’ e la moglie (30 marzo 2011); Operazione ‘Remetior’: fissata udienza preliminare (17 febbraio 2011) ; Operazione Remetior: parla la moglie del boss Caramuscio (16 luglio 2010)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!