Il bimbo ha fretta e nasce in casa

Matino. Una 24enne di nazionalità romena si trovava da sola al momento della “rottura delle acque”. Ha partorito ma ha fatto in tempo a chiamare il 118

MATINO – Momenti di tensione ieri mattina, a Matino, per una ragazza che ha partorito in casa, da sola e senza assistenza. Il lieto evento casalingo, oramai una rarità, è arrivato per M.C.P., una ragazza di 24 di nazionalità romena. Ieri mattina, verso le ore 10.30, la partoriente si trovava a casa sua quando è arrivata la naturale “rottura delle acque”, segno evidente che il momento della nascita era imminente. La ragazza se la stava prendendo comoda e, come vogliono le abitudini del suo Paese di origine, si stava preparando per un parto nel suo stesso letto. Ma la creatura che aveva in grembo ha avuto evidentemente fretta di nascere prima del tempo e così è stato. La ragazza si è così trovata da sola a fronteggiare il lieto evento ed è riuscita a chiamare il 118. I medici del “Ferrari” sono giunti immediatamente sul posto e hanno trovato la donna con in grembo il bambino. Trasportata al pronto soccorso del “Ferrari”, la ragazza ha trovato un’equipe multidisciplinare (ostetrica, medico ostetrico, rianimatore, pediatra) pronta per l’assistenza. I medici hanno reciso il cordone ombelicale che legava ancora mamma e figlio. La ragazza e il bambino sono stati ricoverati: la prima perché non ha espulso la placenta; il secondo per precauzione. Le condizioni di entrambi sono ottime. Il lieto fine è stato assicurato per l’intervento celere della struttura ospedaliera del “Ferrari” che ha garantito l’assistenza totale per la paziente e il suo bambino. Rimane il caso raro di mettere al mondo un figlio in casa propria, ma altrettanto singolare è nascere in un paese (in questo caso, Matino) dove non esistono strutture sanitarie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!