Carnevale. Il Comune affida la gestione all’esterno

Gallipoli. Il soggetto organizzatore sarà scelto tramite bando. Non ci saranno costi per il Comune

GALLIPOLI – Il Comune di Gallipoli ha avviato una procedura pubblica per esternalizzare l’organizzazione e la gestione della prossima edizione del Carnevale, giunta in terra ionica al 71° appuntamento. È quanto ha deciso il commissario straordinario, Mario Ciclosi, con una recente delibera. Pertanto sarà un soggetto terzo rispetto all’ente ad occuparsi, sotto la supervisione generale dell’ente di Palazzo Balsamo, di ogni aspetto connesso alla promozione ed allo svolgimento di una manifestazione particolarmente sentita in città; il tutto senza oneri per il Comune. L’affidamento dell’organizzazione della kermesse sarà stabilita tramite un bando pubblico (la cui scadenza è fissata al prossimo 15 dicembre) già consultabile sul sito internet comunale (www.comune.gallipoli.le.it) e su manifesti murali. Pertanto agenzie di spettacolo, media e associazioni possono proporre un proprio progetto esecutivo per l’organizzazione e la gestione di una serie di iniziative collaterali alle giornate dedicate ai concorsi principali, anch’essi oggetto dell’attività progettuale. “La difficile situazione economica ci impone riflessioni serie e decisioni che non incidano su una gestione oculata ed attenta delle casse comunali – ha commentato Ciclosi –. Il progetto di esternalizzare la manifestazione carnascialesca va proprio in quest’ottica, nella consapevolezza che il territorio dispone di risorse in grado di potersi occupare, con pieno successo, dell’organizzazione di questo evento, importante per la città e l’intero territorio”. Le manifestazioni inserite nel progetto organizzativo dovranno necessariamente iniziare, come la tradizione impone, con l’appuntamento della “Focareddhra” (17 gennaio). Il bando prevede come elementi migliorativi del progetto la proposta di organizzazione di momenti tipicamente culturali legati sia al tema storico della manifestazione, sia all’arte della lavorazione della cartapesta. Di particolare rilievo sarà l’elemento della creatività e dell’originalità, così come il coinvolgimento del piano di comunicazione e di promozione da attuarsi anche attraverso l’ausilio della carta stampata e dei media televisivi. Tutti gli appuntamenti dovranno essere pensati con un alto livello di interazione e di coinvolgimento di pubblico. Il programma, infine, dovrà soddisfare la domanda di spettacolo nel senso più ampio del termine, offrendo un prodotto riproponibile nel tempo, in modo tale da continuare a rendere il Carnevale uno degli appuntamenti più attesi. Al soggetto organizzatore, una volta individuato, verrà assicurato lo sfruttamento dei diritti pubblicitari e televisivi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!