Maniglio: ‘Un ospedale per tre Comuni’

Nardò. La proposta del vicepresidente del Consiglio regionale: una struttura realizzata ex novo con fondi già disponibili per Nardò, Copertino e Galatina

NARDO’ – “I vincoli del piano di rientro sono ineludibili e la riduzione dei posti letto, oltre che fissata dalle linee guida del ministero, è una delle condizioni perché i pugliesi non subiscano un taglio di quasi 500 milioni di euro. Le manifestazioni dei cittadini di Nardò e dei Comuni limitrofi in opposizione alla chiusura dell’ospedale neretino devono, tuttavia, essere perse in considerazione”. E’ il punto di vista di Antonio Maniglio, vicepresidente del Consiglio regionale pugliese, che propone la realizzazione di un unico nuovo ospedale che serva i Comuni di Nardò, Copertino e Galatina. “Nardò è la seconda città del Salento – dice Maniglio -; nel periodo estivo sono decine di migliaia i turisti che villeggiano sulla costa e nell’entroterra, i collegamenti con l’ospedale più vicino, Copertino, non brillano in termini di rapidità e sicurezza stradale”. Maniglio avanzerà la sua proposta all’assessorato alla Sanità, con un ordine del giorno da discutere in Consiglio regionale. I fondi per la realizzaizone del nuovo presidio, spiega, sarebbero già disponibili. L’idea del vicepresidente è di una struttura moderna, con tutti i reparti e con servizi ormai indispensabili per curare le urgenze (tra cui Utic, rianimazione, neonatologia), con macchinari e tecnologie all’avanguardia, che diventerebbe un centro di riferimento provinciale al pari del “Fazzi” di Lecce. “L’idea di localizzare i fondi per l’edilizia sanitaria su Scorrano-Maglie-Poggiardo – aggiunge – mi pare assai debole. Anzitutto perché il bacino degli utenti è notevolmente inferiore a quello di Nardò-Copertino-Galatina (e Galatone), Comuni sopra i 30 o i 15mila abitanti. In secondo luogo perché la struttura di Scorrano, potenziata e ampliata, geograficamente centrale in quell’area e già dotata di servizi avanzati, può corrispondere all’esigenza di un moderno ospedale intercomunale”. Sarebbe questa, secondo Maniglio, l’unica soluzione concreta e praticabile in grado di risolvere il nodo dell’ospedale di Nardò. “Non si tratta di rivendicare una struttura sottoutilizzata sotto casa, ma di realizzare un nosocomio che è in grado di curare rapidamente e in tutta sicurezza i pazienti anche per patologie serie, e corrispondere in tal modo al bisogno di salute dei cittadini”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!