Telecamere antirapina. La Camera di commercio aiuta chi le acquista

Lecce. Il bando aperto fino al 31 dicembre è destinato alle micro e piccole imprese. A disposizione 150mila euro in tutto, mille euro per azienda

LECCE – Più controlli contro il crescente fenomeno dei furti e delle rapine. E ciò che è stato stabilito in occasione del vertice in Prefettura di alcuni giorni fa, durante il quale il sottosegretario Alfredo Mantovano ha annunciato pugno duro contro i fenomeni criminosi ed una maggiore attenzione alla prevenzione degli episodi, tramite un potenziamento delle telecamere di controllo pubblico e delle forze dell’ordine in servizio per le strade cittadine. Ed è ciò che ribadisce la Camera di commercio di Lecce con un bando che sostiene l’acquisto e l’installazione di sistemi di videoallarme e videosorveglianza antirapina da parte delle piccole e micro imprese. Per dare sostegno a più imprenditori possibile, la Giunta camerale ha stanziato 150mila euro, destinandoli alle microimprese (che occupano meno di dieci persone e il cui bilancio annuo non supera i 2 milioni di euro) e alle piccole imprese (che occupano meno di 50 persone e il cui bilancio annuo non supera i 10 milioni di euro) e riservando una quota di 50mila euro ai settori maggiormente esposti ai fatti criminosi come le gioiellerie, i distributori di carburante, le farmacie, le tabaccherie e le edicole. Il contributo previsto per ogni azienda è di mille euro. La scadenza del bando è fissata per il 31 dicembre, fino ad esaurimento delle risorse al momento disponibili. Gli imprenditori interessati possono scaricare il modello di richiesta e il bando dal sito internet www.le.camcom.it. Il contributo sarà erogato a condizione che l’impresa richiedente sia in regola con il pagamento del diritto annuale e non sia iscritta al Registro informatico dei protesti e che l’impianto sia stato installato e regolarmente pagato all’impresa di installazione abilitata. “Le attività produttive salentine, sono oggetto, con sempre maggiore frequenza, di estorsioni e furti particolarmente gravi – ha dichiarato il presidente della Camera di commercio Alfredo Prete – in un momento economico difficile che non consente investimenti in termini di sicurezza. Per questo, la Camera di commercio ha promosso e finanziato un bando che va incontro agli operatori economici con un contributo fino a mille euro sulle spese sostenute per l'installazione degli impianti antirapina. Un’attività concreta a favore delle aziende per innalzare il livello della sicurezza percepita e per scongiurare il proliferare di atti criminosi che rischiano di mettere in ginocchio tanta parte del tessuto economico locale”. Articolo correlato: Vertice in Prefettura. 'Più telecamere per la sicurezza'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!