Scomparsa di Caggia. Oggi i funerali

Aradeo. Le cerimonia si svolgerà alle 15.45 presso la Chiesa dell’Annunziata

ARADEO – E’ venuto a mancare ieri all’affetto della sua famiglia a soli 54 anni Riccardo Caggia, direttore centrale della Banca Popolare Pugliese. I suoi colleghi salutano con commozione l’uomo e il professionista. Il direttore generale Vito Primiceri lo ricorda con queste parole: “Tutti perdiamo un amico, l’azienda un valore”. I funerali si terranno oggi alle ore 15.45 presso la Chiesa dell’Annunziata ad Aradeo. 9 novembre 2011 L'economia salentina piange Riccardo Caggia E’ morto questa mattina a soli 54 anni per una grave malattia fulminante il Dr. Riccardo Caggia, Direttore Centrale della Banca Popolare Pugliese.

riccardo caggia

Se ne va un professionista di altissimo profilo, dotato di un acume e di una competenza davvero rari. Chi ha avuto il piacere di conoscerlo personalmente non può che ricordare il suo garbo naturale e l’estrema cortesia nel relazionarsi con ogni situazione, anche la più problematica. Da circa 30 anni lavorava in BPP, all’interno della quale era riuscito a scalare tutti i livelli gerarchici diventando Direttore Centrale da qualche anno; un ruolo di grande responsabilità che ne faceva uno degli uomini dell’alta dirigenza più influenti dell’Istituto di credito con sede a Matino. Il suo ruolo aziendale di grande relazione con gli imprenditori, assieme alle sue doti umane, lo hanno reso negli anni uno dei manager più conosciuti e apprezzati. Anche quando la Banca Popolare Pugliese ha aderito a Confindustria Lecce, la scelta per rappresentarla è caduta sul Dr. Caggia, che ha subito dato un forte contributo alla vita associativa. La malattia si è manifestata in tutta la sua gravità una settimana fa e ha portato via un uomo sportivo e profondamente vitale. Lascia la moglie e i due figli studenti universitari Alessandra e Antonio. I Funerali si terranno domani nella sua città, Aradeo, dove era nato e viveva con la famiglia. La redazione del Tacco d’Italia formula alla famiglia di Riccardo le più sentite e commosse condoglianze.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!