Trasforma la casa in albergo. Evade 700mila euro

Salve. I finanzieri hanno ricostruito le numerose operazioni relative all’immobile

SALVE – Un uomo di Salve è finito nei guai per la cessione in nero di un albergo. In seguito ad un controllo fiscale nei confronti di una società di capitali operante nel settore turistico-ricettivo, i finanzieri della Tenenza di Leuca hanno infatti constatato che nel mese di gennaio 2011 ha omesso di fatturare la cessione di una struttura alberghiera, per un’imponibile pari ad oltre 725mila euro ed una corrispondente Iva di quasi 154.500 euro. In particolare, i finanzieri sono giunti a questa conclusione ricostruendo le diverse operazioni che hanno interessato l’immobile, rilevando che l’unico socio aveva precedentemente ceduo in comodato alla società una propria abitazione, sulla quale poi la società aveva effettuato rilevanti e costosi interventi edilizi per trasformarla in un albergo perfettamente funzionante, accollandosi per intero le relative spese. Allo scadere del contratto di comodato, la società ha restituito l’immobile al socio, senza procedere all’emissione della relativa fattura, nonostante la trasformazione nel frattempo intervenuta, da normale civile abitazione a rilevante struttura alberghiera, avesse realizzato un bene completamente diverso e, soprattutto di maggior valore, rispetto a quello inizialmente concesso in comodato. Adesso sarà l’Agenzia delle Entrate competente a proseguire l’accertamento per recuperare le imposte evase.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!