Le pene del pene: la fimosi

La soluzione più efficace rimane la circoncisione parziale o totale, associata alla frenuloplastica in caso di presenza di frenulo corto

di Lamberto Coppola (*) Il prepuzio è quella pellicina che ricopre la punta del pene, definita “glande”. La fimosi è una patologia determinata dalla perdita di elasticità di questa struttura cutanea protettiva, con conseguente restringimento fastidioso, difficoltà o impossibilità a evidenziare il glande oppure una strozzatura al di sotto di esso una volta scoperto (parafimosi). Distinguiamo la fimosi serrata, quando si ha l’incapacità di scoprire la punta del pene anche a pene flaccido, da quella non serrata, in cui non si riesce ad effettuare la scopertura del glande solo se si è in erezione. La fimosi inoltre può essere distinta in congenita o acquisita, vale a dire quella presente da sempre da quella che si manifesta secondariamente in varie età della vita. Attenzione però che spesso si tende a confondere la fimosi congenita con la normale impossibilità a scoprire il glande nei bambini molto piccoli (al di sotto dei tre anni), situazione questa che non deve preoccupare i genitori più di tanto, perché nel 90% dei casi si risolve entro il quarto anno senza necessità di intervento terapeutico. Se da un lato è quindi importante diagnosticare precocemente e correggere una fimosi al fine di evitare al bambino infezioni delle vie urinarie ricorrenti ed infiammazioni, oltre che prevenire altri disturbi in età adolescenziale o adulta, da un altro lato è importante evitare manovre forzate del prepuzio per evitare lesioni sia sul glande che sulla pelle, tali da portare alla formazione di tessuto cicatriziale anelastico che potrebbe essere di per sé causa di una fimosi vera e propria. Da qui nascono le controverse posizioni dei medici riguardo l'utilità della cosiddetta “ginnastica prepuziale”, spesso consigliata per aumentare l'elasticità del prepuzio in bambini con difficoltà a scoprire il glande. Secondo alcuni studiosi, infatti, se praticata troppo precocemente ed arbitrariamente sarebbe inutile o addirittura dannosa. Vi è invece unanimità nella necessità di porre attenzione massima all'igiene e alle irritazioni locali, specie nell’età infantile. La fimosi acquisita invece si manifesta in età adulta, le cause possono essere molteplici: ripetute infiammazioni batteriche o fungine (balanopostiti), malattie a trasmissione sessuale, come clamidia e gonorrea, portano alla formazione di un tessuto cicatriziale che provoca a sua volta il progressivo insorgere della patologia. Attenzione infine ai dolciumi. Ripetute e persistenti iperglicemie possono evocare infatti infezioni da Candida a livello del prepuzio con successiva fibrosi cicatriziale dello stesso. Frequentemente un diabete latente in un adulto può essere diagnosticato indirettamente attraverso questa fastidiosa situazione che si presenta e ripresenta a ciel sereno, indipendentemente da rapporti sessuali. Terapia: igiene locale, generale e sessuale, nonché l’utilizzo di detergenti adeguati sono il modo migliore per prevenire la fimosi del prepuzio. Spesso si tenta di curare la fimosi con pomate o compresse antibiotiche e antiflogistiche, i cui risultati raramente sembrano essere definitivi. La soluzione più efficace rimane sempre la circoncisione (parziale o totale), associata alla frenuloplastica in caso di presenza di frenulo corto. In alcuni soggetti, infine, pur essendoci una perfetta normalità del prepuzio, esiste una atavica fobia nello scoprire il glande. Questa forma del tutto funzionale, spesso frutto di tabù e di problematiche relazionali non risolte, viene facilmente affrontata con un corretto counseling andrologico e, in alcuni casi, con l’ausilio della psicologia. (*) Prof. Lamberto Coppola Andrologo – Ginecologo – Sessuologo Direttore Sanitario dei Centri Integrati di Andrologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Tecnomed (Nardò- Lecce) e Casa di Cura Fabia Mater (Roma).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!