Uisp ciclismo, Melendugno incorona i campioni regionali

La prova unica del campionato regionale si è percorsa per le strade del Comune salentino il 30 ottobre. Note di merito per le prestazioni di Calcagni

MELENDUGNO – È stato Melendugno lo scenario che ha messo in sella circa 60 corridori in occasione della prova unica del campionato regionale crono Uisp. La manifestazione ciclistica, disputatasi domenica 30 ottobre, è stata organizzata dalle società “La Salentina” e “Mondosport” dove i migliori atleti del panorama pugliese si sono dati battaglia su un tracciato lungo tredici kilometri. Il pronti-via è stato preceduto dal minuto di silenzio osservato per la scomparsa del sindaco di Melendugno, Vittorio Potì, venuto a mancare nei giorni scorsi. A gara conclusa tra l’acclamazione di una folla in delirio, si sono laureati campioni regionali crono Gianluca Tundo della Ciclistica Arnesano, per la categoria A1; Cristiano Serafini della Superbike San Pietro Vernotico (A2), Salvatore Ciurlia del Team Magliano, (A3), Oronzo Solazzo della Calcagni S. (A4), Gerardo Urso della Bicisport Mazzotta (A5), Fosco Montesanti della GC Capo di Leuca (A6), Sonia Mannarini de La Leccese (Donne), Carlo Calcagni della Calcagni S. (Disabili). Di rilievo la presenza dell’assessore Maurizio Cisternino oltre all’immancabile figura di Gianfranco Galluccio, presidente provinciale di Lecce e commissario Uisp della Lega Ciclismo Puglia. Al termine della cerimonia è stato proprio il presidentissimo a spendere due parole in merito all’evento ciclistico: “L’arte di andare in bicicletta è ormai un fenomeno che abbraccia tutto il territorio e ogni anno il numero degli atleti cresce in maniera esponenziale. Ne approfitto – prosegue Galluccio – per sottolineare la prestazione di Carlo Calcagni, fresco campione del mondo della categoria Disabili. La sua prova, a distanza di sole due settimane dal mondiale, è stato un segnale di grande volontà e immensa passione per questo sport all’indirizzo di il movimento ciclistico e non solo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!