Rubò un’auto. Ritorna in carcere

Presicce. Augusto Romano deve scontare otto mesi e quattro giorni di reclusione per furto aggravato

PRESICCE – Deve scontare otto mesi e quattro giorni di reclusione per furto aggravato. Così ieri i carabinieri della Stazione di Presicce hanno arrestato, su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Lecce, Augusto Romano, 50enne del posto. Il fatto che ha portato alla condanna dell’uomo risale a poco più di due anni fa, esattamente alla notte fra l’8 ed il 9 ottobre del 2009, quando un uomo di Acquarica del Capo, al 112 riferì che pochi istanti prima era stata rubata la sua Seat Ibiza. I carabinieri capirono che l’autore del furto, con molta probabilità, potesse essere un soggetto a loro ben noto e residente nell’ambito del territorio di loro competenza e per questo iniziarono a battere palmo a palmo tutte le vie dei Comuni di Acquarica e Presicce finché, regolarmente posteggiata proprio davanti alla porta d’ingresso dell’abitazione di Romani, rinvennero la Seat Ibiza. Alla vista dei militari l’uomo, interrogato sulla presenza dell’auto davanti a casa sua, in un primo momento tentò di negare qualsiasi coinvolgimento con il fatto criminoso appena avvenuto ma quando fu informato che sull’autovettura sarebbero stati effettuati accertamenti di polizia scientifica per evidenziare la presenza di impronte digitali dell’autore del reato, confessò di essere stato lui a rubarla per tornare a casa. Romano venne quindi dichiarato in arresto e, su disposizione del pm di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce, Francesca Miglietta, trasferito alla Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce. A poco più di due anni da quella data l’uomo è stato nuovamente associato a “Borgo San Nicola” a disposizione dell’autorità giudiziaria perché deve scontare otto mesi e quattro giorni per il furto commesso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!