Ruba un’auto. Preso dopo pochi minuti

Lecce. Fabio Stea aveva ancora addosso il materiale utilizzato per il furto

LECCE – La notizia del furto d’auto, una Fiat 500 di colore bianco, da un’abitazione in via Sozzo a Lecce, è stata diramata alle 4.30 circa della scorsa notte. Subito la Polizia ha dato il via alle ricerche, predisponendo un servizio con l’impiego di tre volanti, due delle quali si sono recate verso la marina di san Cataldo mentre la terza attendeva lungo la tangenziale in direzione Brindisi, in prossimità dello svincolo di Surbo-Giorgilorio sulla SS 113. Dopo alcuni minuti, poco prima delle 5, la Fiat 500, con alla guida Fabio Stea, 38enne di Lecce, è stata intercettata e bloccata. La vettura, dopo i rilievi della Polizia scientifica, è stata restituita al legittimo proprietario. In seguito ad una perquisizione personale, Stea è stato trovato in possesso di diversi arnesi per lo scasso utilizzati per il furto d’auto e di un telefonino cellulare completo di sim e batteria. Quando l’auto è stata bloccata, era ancora conficcato nel blocco accensione il cacciavite utilizzato per metterla in moto. L’uomo è stato condotto presso il carcere di Borgo San Nicola a Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!