Alloggi Iacp dimenticati

Lecce. I residenti segnalano la cattiva manutenzione e un’amministrazione condominiale assente. Federconsumatori sollecita interventi

LECCE – Degrado e abbandono. Bastano due parole per descrivere gli alloggi Iacp presenti nel Comune di Lecce. I residenti nella zona di Settelacquare hanno denunciato più volte infiltrazioni e cedimenti strutturali delle palazzine. Ed ora temono per l’incolumità propria e delle proprie famiglie, in vista dell’inverno e delle piogge che verranno. “Quando piove abbondantemente – ci dice infatti un residente – le pareti si bagnano e si gonfiano; a a sono serviti gli interventi, mai definitivi, che si sono susseguiti negli anni. A a servono le nostre continue segnalazioni. L’amministrazione delle palazzine è praticamente assente e saranno decine di anni che ripetiamo, inascoltati, il nostro disagio”.

Lecce Settelacquare 3

Numerose sono state le segnalazioni da parte dei cittadini alla Federconsumatori. “La nostra associazione – spiega Antonio Moscaggiuri, presidente provinciale dell’associazione – non può rimanere indifferente alle richieste d’aiuto; è nostro preciso compito la tutela della salute e dell’ambiente, oltre che la difesa dei diritti dei cittadini nei rapporti con le istituzioni pubbliche e private”.

Lecce Settelacquare 2

“Negli ultimi anni – continua Moscaggiuri – sono emersi inesorabilmente i risultati di una cattiva se non inesistente manutenzione degli immobili, interessati da infiltrazioni di acqua e umidità, con conseguente ossidazione e progressivo sgretolamento del cemento. Non mancano fenomeni di esfoliazione dell’intonaco, che facilita l’infiltrazione piovosa, e spaccature nei marciapiedi, che rendono disagevole il passaggio dei pedoni”.

Lecce Settelacquare

Alle proteste dei residenti fa da contraltare un’amministrazione condominiale che risulta, così ci ha riferito un residente, incapace di gestire in modo fattivo ed efficace una situazione di disagio ormai intollerabile.

Lecce Settelacquare 4

“Ci viene segnalato – conferma Moscaggiuri – che le stesse assemblee condominiali vengono convocate sporadicamente e mai per l’approvazione dei bilanci: non c’è quindi un’adeguata informazione sulla rendicontazione delle spese e, anche laddove sono deliberati interventi sugli immobili, l’amministrazione si rivela deficitaria sul piano dell’attuazione”. Questa situazione relega, inevitabilmente, gli abitanti dei condomini Iacp allo stato di cittadini di serie B. Un intervento ad ampio spettro appare non più rimandabile. Federconsumatori sollecita le istituzioni ad attivarsi, ed in maniera solerte, anche tramite un maggiore coinvolgimento dei residenti, in un’ottica di concreta partecipazione e informazione. Articoli correlati: Edilizia popolare. 5 milioni dalla Regione per Lecce La crepa? Basta coprirla e il problema sparisce Case o palafitte? Situazione disperata per 23 famiglie

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!