Tagesmutter. Una mamma per le mamme

Lecce. Oggi la presentazione del workshop illustrativo sul ruolo della tagesmutter che si terrà a Corigliano d’Otranto venerdì

LECCE – Il Tacco ne aveva parlato nei mesi scorsi, quando i corsi di formazione stavano giungendo al termine. In quell’occasione avevamo preannunciato l’imminente arrivo nel Salento di 16 tagesmutter. Che cos’è una tagesmutter? Alla lettera, questo termine tedesco significa “mamma di giorno”, ovvero una nuova figura professionale che si occupa di assistenza ai bambini ed anche di educazione vera e propria. In Puglia la tagesmutter – che è nata nell’Europa del centro-nord e si è diffusa, in Italia, prima nelle Regioni settentrionali – non è ancora una figura nota. Tuttavia, il Salento è più all’avanguardia rispetto ad altre regioni del Mezzogiorno: la scuola di formazione professionale ASESI, con sede a Taviano, proprio come annunciato, ha “diplomato” con successo le prime 16 tagesmutter salentine, delle vere e proprie pioniere della disciplina, con alle spalle 300 ore di lezione teorica con docenti professionisti di Psicologia, Pedagogia, Igiene e sicurezza, Pronto soccorso pediatrico e 70 ore di stage. Perché rivolgersi ad una tagesmutter? Almeno per due motivi: la flessibilità e la domiciliarità che solo una mamma, oggi, sa quanto siano importanti per risolvere la conciliazione vita-lavoro. Per sapere di più su questa importante figura professionale, venerdì 21 ottobre 2011, presso il castello di Corigliano d’Otranto si svolgerà il workshop: “Il servizio Tagesmutter: lavoro, pari opportunità e politiche di conciliazione”, con autorevoli interventi di esperti e addetti ai lavori. Intanto, alla conferenza stampa di presentazione dell’evento, che avrà luogo oggi alle 11 a Palazzo Adorno, prenderanno patre Ernesto Toma, assessore provinciale alle Politiche del lavoro e alla Formazione professionale; Piero Stefanizzi, segretario generale Ust CISL Lecce; Salvatore Palma, presidente della Scuola di formazione ASESI; Antonio Zippo, direttore ASESI. Articoli correlati: Vita-lavoro. Arrivano le tagesmutter Tagesmutter, (quasi) come la mamma

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!