Pesi. Salentini protagonisti a Cefalù

Quattro ori, due argenti e due bronzi. Ricco bottino degli atleti leccesi ai Campionati Italiani Distensione su panca

Ammonta a quattro ori, due argenti e due bronzi il bottino conquistato dai pesisti salentini ai Campionati Italiani Distensione su panca che si sono disputati sabato scorso in Sicilia, nel palazzetto dello sport di Cefalù. Nella manifestazione della FIPE (la Federazione Italiana Pesistica, fresca di nuova denominazione federale) è stato, dunque, assoluto il dominio della rappresentativa leccese composta da atleti tesserati per l’ASD “Istituto Ginnastica Moderna” di Nardò, per la “Body Line Center” di Leverano e per la “Pesistica Salentina” di Aradeo. In particolare, sul gradino più alto del podio sono saliti Francesca Perrone (Body Line Leverano), che ha sollevato kg 70 nella categoria +69kg; Gaetano Balice (Ginnastica Moderna Nardo), con kg 120 nella cat. Under 17; Luigi Orlando (Body Line Leverano), con kg 145 nella cat. 69kg e Cosimo Orlando (Body Line Leverano), con kg 170 nella cat. Master 55. Hanno invece portato a casa un argento Valeria Albano (Ginnastica Moderna Nardò), con kg 43 nella cat. Juniores ed Elisabetta Pellegrino (Body Line Leverano), con kg 75 nella cat. +69 kg. Bronzo, infine, per Alessandra De Ramundo (Pesistica Salentina), con kg 60 nella cat. 69 kg e Francesco Dell’Anna (Ginnastica Moderna Nardò), con kg 120 nella cat. Under 17. Anche se non sono saliti sul podio, ottime sono state le prestazioni di Rosella Tundo (Pesistica Salentina), quarta con kg 58 nella cat. +69; Silvia Miglietta (Pesistica Salentina), sesta con kg 39 nella cat. Under 17 e Roberta De Paola (Ginnastica Moderna Nardò), sesta con kg 55 nella cat. 58 kg). Il prossimo appuntamento con la pesistica è per domani nella palestra dell’Istituto comprensivo “Falcone” di Copertino, dove si svolgerà la Coppa Italia Esordienti e Under 17.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!