Prestiti agli studenti: fino a 10.500 da restituire dopo aver trovato lavoro

Lecce. Per il presidente della Provincia Gabellone è una grande opportunità per i giovani. All'Udu non piace. Il bando scade il 31 ottobre

LECCE – E’ un progetto a sostegno dello studio e degli studenti. Un progetto che incentiva l’approfondimento e la formazione di alto livello. Così l’ha descritto Antonio Gabellone, presidente della Provincia, nel presentarlo nel dettaglio: “La Provincia di Lecce – ha detto – ha deciso di sostenere i processi di crescita delle giovani generazioni e mettere in atto un apposito progetto che permetta agli studenti impegnati nella formazione universitaria e post-universitaria un più agevole accesso al credito”. Non la pensano in questo modo gli studenti ed in particolare i rappresentanti dell’Udu (Unione degli universitari) che nei giorni scorsi avevano espressamente chiesto alla Provincia di ritirare il bando e di mettere a disposizione, invece, più borse di studio. Il bando, ha spiegato Gabellone, garantisce l’accesso agevolato al credito da parte degli studenti meritevoli, tra i 18 ed i 35 anni, senza che questi abbiano l’obbligo di presentare garanzie reali o personali di terzi. La Provincia di Lecce, grazie alla costituzione di un apposito fondo, farà da garante sui crediti concessi. I giovani in possesso dei requisiti previsti dal progetto potranno inoltrare domanda alla banca convenzionata e ottenere credito fino a 10.500 euro dilazionati in tre anni (un totale di 180 mila euro per il triennio 2011/2013). “L’obiettivo – ha aggiunto il presidente di Palazzo dei Celestini – è mettere i giovani in condizione di investire responsabilmente sul proprio futuro, avere un più libero accesso al sapere e favorire il completamento della formazione universitaria in autonomia e serenità finanziaria, rinviando il pagamento di capitale e interessi al momento dell’accesso nel mondo del lavoro”. Il credito ottenuto potrà essere utilizzato dallo studente indistintamente per finanziare il suo percorso formativo: pagare tasse e contributi universitari, partecipare a un programma comunitario Erasmus, iscriversi a un master post-universitario, acquistare un computer portatile con connessione wi-fi, pagare le spese connesse all’alloggio. Il bando scade il prossimo 31 ottobre. Per i primi giorni di dicembre è previsto un incontro con gli esponenti dell'Unione degli universitari per discutere i risultati. Tutti i dettagli del bando su www.provincia.le.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!