Lecce ripropone il week end con l’arte

Lecce. Oggi e domenica visite al museo Castromediano e “Percorsi d’arte contemporanea”

LECCE – Un altro week-end in compagnia dell’arte. Vista l’affluenza di pubblico riscontrata per le iniziative che la Provincia di Lecce ha promosso in occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio Culturale 2011”, gli itinerari culturali vengono riproposti anche nelle giornate di oggi e domani. In particolare, lo scorso fine settimana si è registrato un incremento del 15% di visitatori presso il museo provinciale “Sigismondo Castromediano” e di oltre il 60% per la mostra dedicata a Valerio Adami, presso San Francesco della Scarpa, che chiuderà i battenti il 4 ottobre. Ecco, allora, la riproposta al pubblico dei due itinerari: “Visite guidate al Museo Castromediano di Lecce” e “Percorsi di arte contemporanea”. Il primo appuntamento, della durata di tre ore, è in programma oggi alle ore 17, e prevede la visita alla sezione archeologica del Museo e alle mostre “Pier Luigi Nervi. Roma 1960. Ingegno e costruzione” e “La passione del Collezionismo. La Ceramica di Laterza nella collezione Tondolo”. Il percorso di arte contemporanea, sempre della durata di tre ore, è fissato per domani alle ore 10: partendo dalla chiesa di San Francesco della Scarpa con la mostra dedicata a Valerio Adami, si passerà per il Convento dei Teatini, con la sezione leccese del Padiglione Italia della Biennale di Venezia, per terminare al Monastero delle Benedettine di San Giovanni Evangelista, dove si visiterà la mostra “La vitalità del segno”. Le visite guidate, tenute da archeologi e storici dell’arte dell’Associazione Amici dei Musei – “Agesilao Flora”, sono prenotabili ai numeri 328/8730129 e 349/1943624.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment