Più di 5mila firme contro il ‘Porcellum’

Lecce. Il risultato va oltre le aspettative. La soddisfazione di Francesco D’Agata, coordinatore provinciale Idv

LECCE – Oltre 5mila firme. E’ il risultato della petizione popolare per l’indizione di un referendum contro la legge elettorale “Porcellum” e per la proposta di legge per l’abolizione delle province. Un risultato che va oltre alle aspettative degli stessi organizzatori e che ora permetterà di inviare a Roma una richiesta condivisa. Francesco D’Agata, coordinatore provinciale dell’Italia dei valori, uno dei partiti promotori dell’iniziativa, rivolge un sentito ringraziamento ai salentini che hanno firmato ed “ai dirigenti, consiglieri provinciali e comunali che hanno presenziato i banchetti e gazebo per l’autentificazione delle firme, militanti, volontari dell'Idv della provincia di Lecce che nonostante le vacanze, l'afa di agosto e di un settembre anomalo, con il loro impegno, la loro voglia di cambiamento reale, hanno consentito il superamento di ogni obiettivo”. “Ancora una volta Idv della provincia di Lecce – aggiunge D’Agata – ha dimostrato di esserci e di essere la vera forza politica in grado di determinare l'alternativa di governo per la sua capacità di stare in mezzo alla gente con i suoi banchetti e gazebo nelle piazze e per le vie del Salento, di cogliere le difficoltà, la voglia di riappropriarsi delle istituzioni dei cittadini e di dare risposte concrete, univoche e certe”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment