Al via i lavori per 14 nuovi alloggi Erp

Poggiardo. Importo totale dei lavori eseguiti dalla ditta Fanuli di Copertino, 823.627 euro. La soddisfazione del sindaco

POGGIARDO – Partono i lavori a Poggiardo per 14 nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica, dopo 23 anni di attesa. Il progetto di “ripristino e adeguamento” delle abitazioni di via Pirandello, approvato nei mesi scorsi e tra i pochi ad essere finanziati in Provincia di Lecce, mira a rendere funzionali e agibili gli alloggi attraverso opere edili e impiantistiche sia interne, relative ad ogni alloggio, sia esterne, riguardanti le facciate del fabbricato, le aree comuni e i giardini di pertinenza, per un importo totale dei lavori eseguiti dalla ditta Fanuli di Copertino pari a 823.627 euro. “Non posso che esprimere soddisfazione – dice il sindaco di Poggiardo, Giuseppe Colafati – per l’avvio dei lavori di completamento degli alloggi di via Pirandello. Un evento atteso da troppo tempo e di estrema importanza in un quadro complessivo di emergenza abitativa, con una elevata richiesta soprattutto di giovani coppie e di nuclei familiari in difficoltà. Un risultato, mi preme dirlo, frutto della fattiva collaborazione tra pubbliche amministrazioni. Occupandomi da anni di politiche sociali – continua Colafati -, sia da assessore comunale che da Presidente del Consorzio per i servizi sociali, so bene quanto sia complessa e problematica la situazione, spero quindi che il recupero di questi alloggi consenta di soddisfare almeno in parte le tante richieste. Tale recupero sarà inoltre importante sotto il profilo della riqualificazione urbana giacché cambierà il volto ad un’area della nostra città divenuta dopo tanti anni di abbandono particolarmente degradata”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment