Ufficio chiuso per 15 gg. Le osservazioni di un cittadino

Ugento. Interruzione di pubblico servizio? Se lo chiede un nostro lettore alle perse con un cartello un po’ “frettoloso”

UGENTO – L’ufficio dei geometri comunali, chiuso per 15 giorni. Lo comunica un cartello. Ecco che cosa un “cittadino protagonista” intende puntualizzare. Chi ha scritto l'avviso ha dimenticato (lo voglio sperare!) di inserire il predicato, il verbo, tipo “sarà” o “resterà” chiuso; il plurale appuntato del sostantivo “geometri” non è “geomm”, cioè con la doppia sillaba “m”, ma resta sempre “geom”, sia al singolare che al plurale, perché è l'articolo determinativo che determina, appunto, il numero singolare o plurale (il geom. – i geom.); come si può lasciare chiuso l'ufficio tecnico semplicemente perché non è ancora giunto il nuovo dirigente, l'ing. Leonardo Liviello, che pare voglia rinunciare alla nomina a Ugento in quanto qualche persona amica gli ha fatto presente in quale ginepraio verrebbe a cacciarsi?; un simile ufficio non può restare chiuso per 15 giorni con la palesata motivazione “c'è una mole di lavoro arretrato da smaltire” e con tante richieste da parte dei locali tecnici professionisti e delle imprese; per tale chiusura può ravvisarsi il reato di interruzione di pubblico servizio? Me lo chiedo perché ormai a Ugento succede tutto e il contrario di tutto, alla faccia del tanto sbandierato protagonismo dei cittadini, durante la recente campagna elettorale, tanto da titolare la lista vincente “Cittadini protagonisti”; infine, non si spiega perché l'Amministrazione non ha informato, tramite pubblico manifesto, la cittadinanza di questa decisione che, ripeto, riguarda l'interruzione di un pubblico servizio!!!

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment