Amministrative. Lamosa: ‘Primarie per il Pdl’

Lecce. Il consigliere di “Lecce città del mondo” invita quanti si riconoscono nel centrodestra a farsi avanti per scegliere il candidato

LECCE – Il Pdl non ha paura delle Primarie. Si facciano avanti, allora, quanti non temono il confronto con Paolo Perrone, il sindaco uscente, al quale deve essere necessariamente concessa la possibilità di aspirare ad un secondo mandato. Suonano pressappoco così le parole di Antonio Lamosa, consigliere di “Lecce città del mondo” che dichiara di condividere in pieno il punto di vista dell’europarlamentare Raffaele Baldassarre quando sottolinea l anecessità di allargare l’alleanza di centrodestra ad altre forze, senza escludere nemmeno la possibilità di un confronto con Io Sud. “Per noi va bene – dice Lamosa – che quanti si riconoscono nel centrodestra e militano nella schiera dei moderati, si uniscano a noi per affrontare insieme la prossima competizione elettorale. E ciò sarebbe possibile attraverso le primarie che, come affermato dal segretario nazionale del Pdl, Angelino Alfano, non possono che portare beneficio all’intero partito. Siano benvenuti, allora, quanti intendono misurarsi con l’uscente Perrone, il primo a parlare di questo utile strumento per individuare il candidato sindaco”. Poi un cenno alla lady di ferro della politica leccese, Adriana Poli Bortone. “Ne abbiamo accolto favorevolmente il ritorno nelle file del centrodestra e credo che, forte della sua popolarità, potrebbe serenamente confrontarsi alle primarie. D’altronde non diciamo niente di trascendentale se riconosciamo all’attuale primo cittadino il diritto a puntare sul secondo mandato per l’attuazione completa del nostro programma, così come è stato possibile per altri”. Articolo correlato: Amministrative. ‘Perrone? Sì, ma anche la Poli…’

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment