Amministrative. ‘Perrone? Sì, ma anche la Poli…’

Lecce. Baldassarre chiama in causa Mantovano. “Tratti con Io Sud per una coalizione vincente”

LECCE – In poche parole Baldassarre chiede aiuto a Mantovano per creare quella anelata coalizione Pdl-Io Sud che alle Amministrative 2012 risulterebbe certamente competitiva. L’eurodeputato parte dal suo appoggio incondizionato alla candidatura di Paolo Perrone considerandola naturale e fisiologica e guarda all’opportunità di stringere l’alleanza con Io Sud. Ma questo è il punto. Perché ad Adriana Poli Bortone, leader del movimento chiamato in causa, il nome di Perrone, suo ex vice e pupillo, proprio non sta bene. Ed allora, che fare? Rinunciare al Perrone-bis in nome di una coalizione forte, oppure abbandonare l’idea di stringere patti con la senatrice? La posizione di Baldassarre si fa possibilista verso tutte le alternative. Ed ecco che anche la salda certezza su Perrone inizia a vacillare. Ci pensi Mantovano, a questo punto che con la Poli è in buoni rapporti. La Poli, ancora una volta figura determinante nelle competizioni elettorali. “Come pensa Mantovano – dice Baldassarre – che si possa risolvere tale contraddizione? Mantovano deve farci sapere se l’accordo con la Poli può mettere in discussione anche la candidatura Perrone, perché se così fosse credo che se ne possa parlare al nostro interno senza alcuna preclusione, ma è una cosa che lui dovrebbe farci sapere”. Dunque di sostituire Perrone se ne può pure parlare, “senza alcuna preclusione”. Sta a Mantovano, ora, far sapere se è il caso o meno di farlo. “Conduca lui – aggiunge l’eurodeputato – la trattativa con Io Sud in cerca di una soluzione convincente, che metta insieme la candidatura di Perrone come Mantovano ha ribadito e il sostegno della Poli al Pdl, visto che, con insistenza, da diversi mesi a questa parte, Mantovano sta sollecitando il Partito di cui facciamo parte assieme ad allargare nuovamente le braccia alla senatrice”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment