31 milioni per la Lecce-Vernole-San Foca

Nonostante la crisi, il ministro Tremonti firma per finanziare, con 31 milioni di euro, l'allargamento a quattro corsie della Lecce-Vernole-San Foca

Ovunque si taglia. E' la crisi. Ieri, l'approvazione della manovra finanziaria ha scatenato proteste e tafferugli a Roma, proteste che non tarderanno a scatenarsi anche nella periferia del Paese, anche in Puglia e in Salento. Qui, però, arriveranno ben 31 milioni di euro, il cui trasferimento alla Regione è stato deciso proprio dal Ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, lo scorso 9 agosto. L'investimento è vincolato alla messa in sicurezza e all'allargamento a 4 corsie della strada Lecce – Vernole – San Foca. In provincia di Lecce le risorse sembrano sempre e solo destinate a rifare o allargare strade che richiederebbero una sicura manutenzione, ma che forse – e sottoponiamo ai lettori questa nostra perplessità – non sarebbe il caso di continuare a fare sempre più larghe, a discapito di campagne e paesaggi che i turisti vengono a visitare e invitando, ampie come praterie, a premere sull'acceleratore. Accantonando dubbi e riflessioni di fine estate, il provvedimento è stato accolto con grande soddisfazione dal sindaco di Vernole Mario Mangione: “si conclude una lunga e complessa procedura durata oltre 20 anni per la realizzazione di in intervento strutturale sul territorio, necessario per adeguare una via ai volumi di traffico che la attuale dimensione della arteria non era più in grado di smaltire in sicurezza e rapidità”. Costruire una strada creerà poi certamente nuove occasioni di lavoro, di cui il Salento è affamato. “Auspico – ha concluso Mangione – che la Regione Puglia voglia immediatamente disporre la sottoscrizione del relativo contratto e proceda immediatamente alla consegna dei lavori”. Le procedure di espropriazione sono infatti già state concluse.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment