Poli Bortone lancia la 'Festa del Sud'

La senatrice Adriana Poli Bortone apre alle imprese il suo laboratorio per il Sud

Prodromi da campagna elettorale. La villa comunale di Lecce ospiterà, dal 23 al 25 settembre, il sottosegretario Gianfranco Miccichè, e gli onorevoli Arturo Iannaccone e Adriana Poli Bortone, per la “Festa del Sud”, organizzata dal movimento Io Sud per le piccole e medie imprese del Meridione. “Abbiamo voluto scrostare dalla grigia fuliggine dei lamenti e delle invettive l’argomento 'SUD' – ha spiegato la senatrice leccese – e, sempre più consapevoli delle capacità e potenzialità di un territorio straordinario, abbiamo voluto partire all’insegna dell’ottimismo lungimirante e della auto motivazione dando vita alla prima Festa del Sud”. Ma di che si tratta esattamente? A pochi mesi dalle comunali della città capoluogo, la discesa in campo dei “pezzi grossi” del movimento lascia intendere che la campagna elettorale è già cominciata e si gioca, ancora, sul terreno delle alleanze, tutte da decidere e intercettare. Non sembrano si possano ricomporre i rapporti fra il PdL – deciso a ricandidare Paolo Perrone – e la lady di ferro leccese, che strizza l'occhio all'editore Paolo Pagliaro, leader del Movimento Regione Salento. C'è chi vorrebbe il patron di Telerama ormai candidato a sindaco e chi, invece, sostiene siano in corso manovre di avvicinamento fra lui e il partito di Raffaele Fitto. Quel che è certo è che, oggi, ciascuno si muove per rimpolpare il suo bagaglio di voti possibili e stringere accordi. “Una delle azioni in questa Festa del Sud – ha aggiunto infatti la Poli Bortone – è quella di rendere parte integrante della tre giorni leccese le piccole e medie imprese meridionali”. Nell'ambito della festa saranno allestiti 50 stand, che ciascuna azienda potrà prenotare per dare visibilità ai suoi prodotti in quei giorni. Per prenotare gli spazi, bisogna contattare Angelo Scardia al numero 3296754778. E la Poli, che con i leccesi ha da sempre un feeling particolare, si congeda con un invito politicamente ammiccante: “in attesa di tagliare con Voi il nastro di partenza di questa prima 'gara' in un campionato difficile quanto stimolante, Vi invito a seguire, in ogni caso, questa crescente realtà meridionalista a cui, con un pizzico di orgoglio, mi piace aver dato la primogenitura nel 2009”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment