Udc. Vanno via in 19

Ugento. Un partito che va “un po’ a destra ed un po’ a sinistra”. E con una lettera ai leader si dimettono

UGENTO – La sensazione è quella di uno “scollamento” tra gli iscritti alla sezione locale del partito ed i vertici provinciali e nazionali. Un progressivo allontanamento per ciò che riguarda obiettivi da raggiungere ed anche punti di vista, con il risultato che oggi, almeno 19 degli iscritti ugentini all’Unione di centro non si riconoscono più nella “famiglia”. Si tratta di Fernando Alessandrelli, Giuseppina Carluccio, Paola Carluccio, Salvatore Carluccio, Vittoria Carluccio, Vito Coletta, Giorgina Gerbino, Antonio Macagnino, Luciano Macagnino, Luce Micello, Angelo Placì, Antonio Ricchello, Francesco Rodigliano, Francesca Rodigliano, Cosimo Tornisello, Antonio Rovito, Luce Caputo, Vincenza Antonazzo, Nadia Rizzo. Non restava altro da fare che rassegnare le proprie dimissioni ed è proprio ciò che i 19 hanno fatto, inviando nei giorni scorsi una lettera ai leader provinciale, regionale e nazionale. Nella nota lamentano un “cambiamento di rotta” nell’Udc, un tempo partito equidistante da destra e da sinistra, oggi “un po’ a destra ed un po’ a sinistra”, senza un programma politico serio e senza una linea politica chiara agli iscritti; ciò avrebbe determinato una “disfatta” alle ultime elezioni comunali (maggio 2011) che hanno portato l’Udc a non avere neppure un rappresentante in Consiglio. Il risultato elettorale avrebbe inoltre enfatizzato i problemi già registrati invece di costituire nuova linfa per una nuova battaglia politico-amministrativa. Riportiamo la lettera di dimissioni in versione integrale. All’On.le Antonio DE POLI Responsabile Nazionale Tesseramento UDC – UNIONE DI CENTRO Al Coordinatore UDC Regione Puglia On.le Angelo SANZA Al Presidente UDC Regione Puglia On.le Rocco BUTTIGLIONE Al sen. Salvatore RUGGERI Coordinatore Provinciale UDC I sottoscritti firmatari, premesso che:  la particolare situazione della locale sezione UDC di Ugento (LE), nonostante portata più volte a conoscenza dei vertici provinciali (anche per iscritto) ha continuato ad essere gestita dagli stessi in maniera ambigua e, a parere degli scriventi, poco attinente al modo di fare di un partito che si definisce diverso ed equidistante dalla politica dei due poli, dal centro-destra e dal centro-sinistra;  il comportamento degli stessi vertici provinciali, probabilmente in linea con quelli nazionali, mira solo ad ottenere risultati elettorali senza attenzionare né un programma serio e condiviso dalla base (il tanto decantato principio di sussidiarietà), né tantomeno una linea politica chiara e trasparente in un contesto, quale quello politico attuale, che vede l'UDC un po' a destra ed un po' a sinistra, generando confusione e mettendo alla berlina coloro che rappresentano il partito nelle situazioni locali;  per i motivi sopra elencati oggi più che mai si è assistito alla “disfatta politica”, nelle recentissime elezioni comunali (15-16 maggio 2011), a seguito delle quali nel nuovo Consiglio Comunale l’UDC non esprime più alcuna presenza, considerato che gli scriventi, nonostante condividano i punti politico – programmatici del “Manifesto per una nuova Italia”, non hanno tuttavia riscontrato alcuna corrispondenza con le manifestazioni e le posizioni politiche assunte dai vertici del partito, facendo venir meno quel collante necessario per sentirsi “appartenenti” ad un movimento politico dei popoli europei; considerato che l’attività politica e sociale della locale sezione UDC è stata poco o per niente considerata e supportata dai vertici provinciali (vedi sezioni inaugurate in altri centri vicini), mentre il recente risultato elettorale dovrebbe dare nuova linfa e nuovi stimoli per costruire l’alternativa all’attuale maggioranza per il bene comune di Ugento; per i motivi sopra esposti rassegnano, con decorrenza immediata, le proprie irrevocabili dimissioni, con preghiera di restituzione della propria quota di adesione, e restituiscono le tessere ricevute soltanto in questi giorni. Distinti e cordiali saluti. Fernando Alessandrelli Giuseppina Carluccio Paola Carluccio Salvatore Carluccio Vittoria Carluccio Vito Coletta Giorgina Gerbino Antonio Macagnino Luciano Macagnino Luce Micello Angelo Placì Antonio Ricchello Francesco Rodigliano Francesca Rodigliano Cosimo Tornisello Antonio Rovito Luce Caputo Vincenza Antonazzo Nadia Rizzo

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!