Allarme inquinamento a Torre Mozza

Dopo l'incendio del 21 agosto scorso, tre casi di intossicazione delle vie respiratorie nell'area di Torre Mozza

I consiglieri comunali Carlo Scarcia e Angelo Minenna hanno denunciato, nei giorni scorsi, una situazione di possibile inquinamento atmosferico che ha investito la Marina di Torre Mozza e che persiste dal 21 agosto passato, quando la zona è stata colpita da un disastroso incendio. I due consiglieri hanno chiesto più volte l'intervento del Comune, segnalando “odori sgradevoli e penetranti, che sempre più insistentemente ammorbano l'aria nella splendida Marina ugentina di Torre Mozza”. Ci sarebbero già stati tre casi di intossicazione alle vie respiratorie, con relativi ricoveri in ospedale, e un intervento dell'Arpa Puglia, non sollecitato dal primo cittadino di Ugento, ma dalle strutture ospedaliere del territorio. Minenna e Scarcia hanno così deciso di inoltrare una richiesta formale al sindaco Lecci per avere l'accesso alle analisi della qualità dell'aria e dei campioni di terreno prelevati dal DAP di Lecce di Arpa Puglia. “Tanto per una maggiore tutela del territorio – specificano i consiglieri di opposizione – e per una nostra fattiva collaborazione nell’informare la cittadinanza ed i turisti presenti in quella località di cosa è stato bruciato nell’area dell’ex Ittica, e di cosa si è pericolosamente sprigionato nell’aria in seguito a tale incendio. Articolo correlato: “Incendio a Torre Mozza. ‘Emergenza inquinamento'”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment