Albergo abusivo. Sequestro e multa da 4mila euro

Torre San Giovanni. La struttura, in origine una comune abitazione, era stata trasformata in struttura ricettiva senza comunicazione al Comune

TORRE SAN GIOVANNI (UGENTO) – Un albergo a tutti gli effetti, con arredi e suppellettili tipiche degli alberghi, camere autonome dotate di tutti i servizi necessari. Con, addirittura, turisti che avevano prenotato il posto per una settimana o per un week end. E’ quanto si sono trovati di fronte i finanzieri del Comando provinciale di Lecce, al sopralluogo effettuato in un immobile di Torre San Giovanni, marina di Ugento. La struttura, in origine una civile abitazione, disposta su tre piani, era stata trasformata in albergo dal titolare, il quale aveva però “dimenticato” di dichiarare tale cambio di destinazione agli uffici del Comune. Del resto che non fosse più adibito alla residenza del proprietario era più che evidente: i singoli ambienti erano attrezzati con letti matrimoniali, camere doppie, triple e quadruple a seconda delle esigenze della clientela e una serie di servizi, compreso collegamento alla rete internet, servizio frigo bar, televisione, bagno privato, cambio della biancheria da bagno e da letto e il riordino/pulizia dei locali. Otto stanze in tutto, destinate inequivocabilmente ad ospitare fino ad un massimo di 30 persone, al costo di circa 100 euro al giorno per una camera matrimoniale. Al proprietario della struttura ricettiva, un 60enne del posto, presente nel corso degli accertamenti, le Fiamme Gialle, al termine delle verifiche effettuate, hanno notificato il relativo verbale di contestazione e accertamento, con una multa di circa 4mila euro, oltre al sequestro amministrativo della struttura e conseguente cessazione dell’attività.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati